Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234 5
6 78 910 11 12
13141516171819
20212223242526
27 28 2930 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

INCIDENTI lAVORO

Ilva, la condanna unanime dei sindacati per l’ennesima morte sul lavoro


Dopo il tragico incidente di questa mattina all’Ilva costato la vita a un operaio di 35 anni della ditta in appalto Ferplast, i sindacati esprimono cordoglio unitario alla famiglia della vittima e condannano ancora una volta la precaria situazione delle condizioni lavorative in materia di sicurezza.

La leader della Cisl, Annamaria Furlan, esprime sgomento e dolore a nome di tutta la confederazionee e ricorda che questa mattina anche ad Arquata del Tronto si è verificato un incidente in un cantiere edile che ha coinvolto tre lavoratori gravemente feriti. “Serve una mobilitazione di tutto il paese – scrive la segretaria su Facebook -. Non basta solo indignarsi o denunciare l’inosservanza delle norme di legge, dei regolamenti e dei contratti. Il sindacato non farà sconti a nessuno finché non avremo più sicurezza e rispetto per la vita in tutti i luoghi di lavoro a partire dall`Ilva, dove sosteniamo la giusta protesta dei sindacati di categoria".

"Dopo l'ennesimo incidente che allunga la lista delle vittime sul lavoro nasce ancor più la necessità che si arrivi presto a un'intesa", afferma Rocco Palombella, segretario generale della Uilm. "Questo dimostra inoltre come non basti un accordo qualsiasi, ma un buon accordo che definisca gli assetti societari e le responsabilità, la tutela dell'ambiente, la salvaguardia dei livelli occupazionali e che sancisca il superamento del sistema degli appalti”. "Sono convinto che un'azienda siderurgica importante debba puntare ad avere una strategia forte sul piano della salute e sicurezza che riguardi tutti i lavoratori che operano sugli impianti degli stabilimenti”, aggiunge Palombella sottilineando come l’attuale amministrazione straordinaria dell’Ilva “inevitabilmente ha contribuito a generare in questi anni un clima di incertezze che minano alla salute e sicurezza dei lavoratori".

Per Francesca Re David, segretaria generale della Fiom Cgil, “è inaccettabile quanto sta accadendo. I lavoratori metalmeccanici continuano a morire tutti i giorni. Ancora una volta è un giovane lavoratore di un'impresa di appalto che perde la vita a causa delle scarse procedure di sicurezza. L'Ilva ha la responsabilità di garantire la sicurezza di tutti i lavoratori e soprattutto di quelli che operano nelle imprese di manutenzione e di appalto”.


17 Maggio 2018
Powered by Adon