Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3 45 67 8
9101112131415
161718192021 22
23 2425 26 27 28 29
30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

EDILIZIA

Settore costruzioni in crisi, persi 800mila posti dal 2008


"La crisi nel settore delle costruzioni non conosce sosta, e dal 2008 ad oggi ha provocato la scomparsa di 800 mila posti di lavoro e la chiusura di 120 mila aziende”. A lanciare l’allarme è la Filca Cisl, il sindacato degli edili della Cisl che, nelle parole del segretario generale Franco Turri, aggiunge: “Dieci anni fa il settore rappresentava oltre l`11% del Pil nazionale, oggi poco più dell`8%. Di fronte a questi numeri auspichiamo che il governo intervenga subito e drasticamente e rimetta in moto l’edilizia, settore in grado di rilanciare l’intera economia del Paese".

"Chiediamo alle forze politiche che governano l’Italia - ha proseguito Turri - di destinare importanti risorse per mettere in sicurezza il territorio, operare una manutenzione seria e puntuale delle infrastrutture e degli immobili pubblici, realizzare o completare le grandi opere utili alla collettività ed all’economia del Paese".

Inoltre, prosegue, "è necessario rendere strutturali e più vantaggiosi gli incentivi per i privati, convertire gli insediamenti industriali e riscrivere il Codice appalti per una semplificazione delle procedure: per un’opera oggi ci vogliono ben 15 anni, dei quali 8 persi in burocrazia. Il sindacato continuerà a fare pressing perché queste misure siano approvate e in tempi rapidi, e lo farà insieme all`Ance, l’Associazione dei Costruttori, e alle altre associazioni datoriali. Una modalità che ricalca quanto già fatto con gli `Stati Generali delle Costruzioni", nel periodo dal 2009 al 2011, e che costituisce un segnale fortissimo di coesione sociale, in un momento in cui il Paese appare fortemente diviso”.

“Questo indispensabile cambio di rotta sull’edilizia - ha concluso Turri - necessita di una forte volontà politica e dello stanziamento di risorse importanti, ma che porterebbero benefici e vantaggi per tutti, di gran lunga superiori alla spesa affrontata”.


04 Settembre 2018
Powered by Adon