Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45678910
111213141516 17
1819 20212223 24
2526272829 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

IGENE AMBIENTALE

Roma, sindacati revocano sciopero Ama


Dopo l'incontro con i vertici capitolini seguito alla conferenza in Campidoglio sul nuovo porta a porta, le rappresentanze sindacali dei lavoratori Ama hanno confermato oggi la revoca dello sciopero previsto per venerdì 13 settembre e l'avvio della procedura di raffreddamento della vertenza con l'azienda e il suo azionista di maggioranza: Roma Capitale.

La Giunta Raggi, rappresentata dall'assessora alla ambiente Pinuccia Montanari, il presidente della commissione capitolina Daniele Diaco, il direttore generale del Comune Franco Giampaoletti, il capo staff dell'assessorato Bilancio e partecipate Massimiliano Lami hanno infatti sottoscritto l'impegno "entro il 30 settembre 2018, a formalizzare specifico indirizzo autorizzatorio a Ama, nelle more del procedimento di approvazione della delibera di modifica della delibera di Giunta 58 2015, a dare avvio alle procedure concorsuali, nella misura individuata dal progetto assunzionale, discusso dall'azienda con le organizzazioni sindacali, che tiene conto del turnover". Si parla di 120 assunti per sostituire i pensionandi. Le eventuali successive assunzioni saranno subordinate ai vincoli economico finanziari e al nuovo Contratto di servizio tra Roma Capitale e il Comune, che potrebbe arrivare in Aula Giulio Cesare martedì prossimo 18 settembre.

"Il via libera da parte di Roma Capitale alle procedure assunzionali, in attesa di approvare la modifica della delibera 58 che sblocca il turnover, negato da mesi e adesso concesso ad Ama per permettere di non perdere altro tempo prezioso, sblocca la vertenza. Tenuto conto anche dell'approvazione della modifiche della delibera 52, in dirittura di arrivo, revochiamo lo sciopero del 14 settembre", dichiarano unitariamente al termine dell'incontro le segreterie regionali di Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel.

Su un punto critico "anche se non oggetto della vertenza e intervenuto solo in queste settimane, l'approvazione del bilancio - sottolineano i sindacati - apprezziamo che finalmente la Sindaca Raggi si sia espressa, anche se in modo non risolutivo. È l'ammissione di un problema su cui fino ad oggi si era taciuto, è che desta preoccupazione". La sindaca, infatti, a margine dell'incontro in Campidoglio ha spiegato che un concordato fallimentare per Ama, analogo a quello richiesto per Atac "non è nel radar di questa amministrazione", anche se si cerca ancora una soluzione viabile al vecchio debito di 18 milioni che Ama reclama nei confronti di Roma capitale per i servizi cimiteriali.

"Avere preservato la natura pubblica e il futuro di Ama è un risultato. Adesso - continuano i sindacati - serve un rilancio dell'azienda, dell'offerta di servizi e della qualità del lavoro degli operatori. Preso atto degli sforzi di Ama per erogare, nonostante le difficoltà, il regolare pagamento dello stipendio di settembre, comunicati in sede di trattativa dalla parte aziendale, continueremo a vigilare affinché si approvi il bilancio in tempo celeri, si dia stabilità economica all'azienda e si tranquillizzino i lavoratori sul proprio futuro".

Nelle prossime settimane i sindacato convocheranno un ciclo di assemblee per spiegare la situazione attuale alle lavoratrici ed ai lavoratori. "Ci aspettiamo un atto di responsabilità a tutela del patrimonio pubblico - concludono Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel - e uno sblocco veloce dello stallo sul bilancio". Le parti si sono impegnate ad aggiornarsi sulla vicenda il 5 novembre prossimo.


12 Settembre 2018
Powered by Adon