Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45678910
111213141516 17
1819 20212223 24
2526272829 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA

Simply Sma, sindacati proclamano sciopero contro mancate risposte su crisi aziendale


La direzione di Simply Sma, multinazionale francese del retail, ha incontrato i sindacati di categoria Filcams, Fisascat e Uiltucs per fare il punto sulle annunciate chiusure di alcuni punti vendita dovute a stimate perdite da 110milioni che hanno portato alla scelta di “razionalizzare” la rete di vendita.

L’azienda ha specificato che le cessioni dei negozi romani di Mezzavia e Anagnina non sono state ancora perfezionate. Per quanto riguarda l'Ipersimply di Teramo, in chiusura al 30 settembre e in rappresentanza del quale un gruppo di lavoratori era presente all’incontro a portare la propria testimonianza,  l’azienda ha manifestato disponibilità a valutare le richieste avanzante dalle organizzazioni sindacali, inclusa quella di un possibile ricorso alla cassa integrazione per chiusura, qualora il quadro normativo arrivi a consentirlo in tempi brevi.

I sindacati fanno sapere di aver avanzato una serie di richieste all’azienda, tra cui di avere il piano generale delle cessioni per cui sono in corso trattative e quello di ulteriori eventuali chiusure di modo da ottenere un insieme di riferimenti completo che ci consenta di governare l’annunciata “razionalizzazione”; la sottoscrizione di una intesa che permetta di condividere strumenti a tutela della occupazione con l’obbiettivo di gestire gli effetti delle scelte aziendali; l’impegno affinché eventuali cessioni avvengano solo ad imprese che applichino il Contratto nazionale di lavoro del Terziario Confcommercio del 30 marzo 2015. Ma a quanto riferiscono Filcams, Fisascat e Uiltucs, la direzione di Simply Sma, “a tre nostre richieste di assoluto buon senso abbiamo ricevuto tre “NO” altrettanto insensati e la promessa di una disdetta della contrattazione in essere”.

Per queste ragioni Filcams Fisascat e Uiltucs riconfermano lo stato di agitazione con blocco delle ore di supplementare e straordinario; danno mandato alle strutture territoriali, alla RSU/RSA di convocare per la giornata di sabato 29 settembre due ore di assemblea in tutti i punti vendita per spiegare ai lavoratori “la gravità della posizione aziendale” e proclamano un pacchetto di 8 ore di sciopero da articolare a livello territoriale.


26 Settembre 2018
Powered by Adon