l’Alleanza delle Cooperative Italiane giudica i contenuti della delega al Governo in materia di riforma del lavoro, intervenendo all’audizione in commissione Lavoro al Senato Alleanza Cooperative, Progetto innovativo ma velocizzare i tempi

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
567891011
121314151617 18
1920212223 24 25
2627 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

JOB ACTS

Alleanza Cooperative, Progetto innovativo ma velocizzare i tempi

Argomento: Cooperative, Governo, Lavoro

Un “progetto di riforma” che contiene “alcune innovazioni” capaci di “rappresentare soluzioni congrue sia sul piano delle tipologie contrattuali sia su quello delle politiche attive e passive del lavoro”, ma si raccomanda attenzione e sollecitudine rispetto ai tempi parlamentari e attuativi altrimenti si rischia di vanificare un buon progetto. Così l’Alleanza delle Cooperative Italiane giudica i contenuti della delega al governo in materia di riforma del lavoro, intervenendo all’audizione in commissione Lavoro al Senato, con la delegazione guidata dal coordinatore Vincenzo Mannino al seguito i responsabili relazioni sindacali Marignani (Legacoop), Valentini (Confcooperative) e Gizi (Agci).

“Si sottolinea che l’estensione e l’universalizzazione delle tutele sia sul lavoro sia sulla maternità/genitorialità non possono però essere “a costo zero per lo Stato” e a carico unicamente delle imprese”.

Per Alleanza Cooperative, introdurre in via sperimentale ulteriori tipologie contrattuali per favorire l’inserimento nel mondo del lavoro, con tutele crescenti per i lavoratori coinvolti, “costituisce un’innovazione che potrebbe costituire un sostanziale contratto “standard” a tempo indeterminato che rappresenti il principale canale d’ingresso in un mercato del lavoro orientato a promuovere la buona occupazione”.

Sul compenso dell’orario minimo, per l’associazione potrebbe essere una novità utile anche per contrastare situazioni di concorrenza sleale, ma sottolinea l’esigenza “di una ben maggiore specificazione per esprimere una più compiuta valutazione”. La revisione dell’ambito di applicazione della cassa integrazione e dei fondi di solidarietà, qualora provochi un aumento del costo del lavoro, “dovrà essere applicata con gradualità”.

La legge delega, per Alleanza Cooperative dovrebbe infine prevedere una strumentazione di monitoraggio degli effetti e, soprattutto, prevedere un rafforzamento dei sistemi di controllo e vigilanza. “Non serve, infatti, prevedere nuove norme o rafforzare quelle esistenti, se non ci si dota di strumenti costanti ed efficaci per prevenire e contrastare forme di lavoro improprie e condizioni di concorrenza sleale, purtroppo ancora molto diffuse”.


27 Maggio 2014
Powered by Adon