Le organizzazioni sindacali di categoria hanno chiesto d’urgenza un’incontro urgente al Mise, in merito alla decisione di Thyssen di cedere i siti di produzione ternani Sindacati, Thyssen non in linea con l’accordo del 3 dicembre

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

AST TERNI

Sindacati, Thyssen non in linea con l’accordo del 3 dicembre


Nei giorni scorsi, la multinazionale tedesca Thyssenkrupp aveva annunciato la vendita di Vdm a un fondo americano, specificando anche il non mantenimento dei siti di produzione ternani. “Thyssen ha sempre affermato che non intende mantenere le due società – spiegò il gruppo in una nota – nel medio e lungo termine nel gruppo Thyssen”. La politica di ristrutturazione dell’Ad di Ast Terni, Lucia Morselli, si è mantenuta quindi coerente con quanto affermato nei giorni scorsi dai tedeschi.

Le organizzazioni sindacali di categoria Fiom, Fim, Uilm, Fismic e Ugl di Terni sono corse ai ripari e hanno chiesto d’urgenza un’incontro urgente al Mise, per verificare il rispetto dell’accordo del 3 dicembre scorso, visto che, sempre secondo i sindacati “dal nostro punto di vista”, il piano industriale di efficientamento dei tedeschi per Ast “non è in linea rispetto a quanto concordato nell’accordo del 3 dicembre 2014”.

“Nella giornata odierna – si legge in una nota sindacale congiunta - le scriventi organizzazioni sindacali dopo confronto con le strutture sindacali nazionali, hanno convenuto di inoltrare la richiesta d’incontro in sede Governativa, come previsto nell’Accordo sottoscritto il 3 dicembre 2014, al fine di discutere e approfondire le tematiche contenute nell’accordo stesso siglato con ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni. Tale richiesta, già inoltrata, ha assunto un carattere di urgenza a fronte di quanto determinatosi negli ultimi giorni che, dal nostro punto di vista, non è in linea rispetto a quanto concordato nell’Accordo del 3 dicembre 2014. La suddetta richiesta è ancor più necessaria in considerazione del fatto della ferma volontà, da parte del management di Ast, di non voler ripristinare le corrette relazioni sindacali. Ciò è dimostrabile dall’improvviso sottrarsi, in sede locale, al confronto sulle tematiche dell’accordo stesso”.

E.G.


21 Aprile 2015
Powered by Adon