Investimenti sostanziosi per il periodo 2011-2014, ma ancora tagli al personale. L'ad della Shell spiega che l'azienda è troppo lenta a rispondere alle nuove dinamiche del mercato. Investe 100 miliardi e taglia altri 1.000 posti di lavoro

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2345 6 7
8 9 1011 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SHELL

Investe 100 miliardi e taglia altri 1.000 posti di lavoro

Argomento: Aziende, Energia

Royal Dutch Shell annuncia nuovi progetti per 100 miliardi di dollari per aumentare la produzione petrolifera e il taglio di altri 1.000 posti di lavoro per ridurre i costi. Nei prossimi quattro anni il gigante petrolifero anglo-olandese punta a varare nuovi progetti di esplorazione in Qatar, Malaysia e Brasile in modo da incrementare la produzione dell'11%, pari a 3,5 milioni di barili al giorno, entro il 2012, spiega la società in un comunicato, precisando che per gli investimenti ha stanziato 28 miliardi di dollari per il 2010, e tra i 25 e i 27 miliardi dal 2011 al 2014. "I nostri sono investimenti sostanziosi volti a raggiungere i grandi obiettivi che ci siamo prefissati per il periodo 2011-2014", ha detto l'amministratore delegato del gruppo, Peter Voser. Per quanto riguarda l'ulteriore taglio di posti di lavoro, da completarsi entro la fine del 2011, Voser ha sottolineato che Shell è "diventata troppo macchinosa e troppo lenta nel rispondere" alle nuove dinamiche del mercato. (FRN)


16 Marzo 2010
Powered by Adon