Il segretario generale della Feneal Uil è intervenuto al Comitato centrale della federazione su politica economica, piano casa e incentivi. Correale, il sostegno all'occupazione è la chiave di volta del 2010

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

EDILIZIA

Correale, il sostegno all'occupazione è la chiave di volta del 2010

Argomento: Edili, Uil

"Servono progetti rapidi e coraggiosi. Il sostegno all'occupazione è la chiave di svolta del 2010 economico". Lo ha dichiarato oggi il segretario generale della Feneal Uil, Antonio Correale, intervenendo al Comitato Centrale della Federazione. "Non possiamo accettare che l'unica via di scampo sia il ritorno al lavoro nero e all'abusivismo", ha detto Correale, e che "sotto il pretesto della crisi, la riforma della contrattazione venga smentita dal ridimensionamento della contrattazione di secondo livello e, di conseguenza, da inaccettabili sacrifici economici a carico dei lavoratori".

Il sindacalista ha poi evidenziato che "il varo di incentivi per stimolare i consumi, fatto di recente, rischia di essere solo una sorta di pezza a colore"e che invece "per cambiare marcia" sarebbe necessario partire dai redditi da lavoro dipendente, cosa che "fra l'altro sarebbe anche una scelta di equità".

In merito al piano casa il leader della Feneal ha osservato che "non giova alla ripresa delle attività quel clima di incertezza e confusione istituzionale", e che molto potrà aiutare "l'atteggiamento delle nuove giunte regionali, le loro scelte prioritarie e il grado di coinvolgimento delle forze sindacali nei progetti di rilancio economico dei territori".

Per Correale è importante "puntare su una molteplicità di interventi che promuovano iniziative capaci di attivare opere e cantieri, lavoro, meno burocrazia, sostenendo in particolare quel tessuto di  piccole e medie imprese che ora hanno davvero il fiato grosso e rischiano dopo mesi di difficile tenuta di espellere altre migliaia  di lavoratori". Per questo chiede a governo e regioni di prolungare per tutto il 2010 la cig e di limitare il più possibile licenziamenti e chiusure. (FRN)

 


26 Marzo 2010
Powered by Adon