Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
456 78 910
11121314151617
181920212223 24
25 26 27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ASSEMBLEA ANCE

Buzzetti, tornati indietro di 15 anni

Argomento: Edili

Correlati

"Il settore delle costruzioni in appena un triennio è tornato indietro di 15 anni: siamo ai livelli di metà degli anni '90". Questo l'allarme lanciato dal presidente dell'Ance, Paolo Buzzetti, intervenendo all'assemblea nazionale dell'associazione dei costruttori edili.
"Se il 2009 è stato il nostro 'annus horribilis' - ha sottolineato - il 2010 non sarà quello della svolta". "Alla fine dell'anno - ha proseguito - avremo perso, rispetto al 2008, il 17% in investimenti, e nel comparto delle nuove abitazioni oltre il 30%". La crisi, ha ricordato, "ha espulso dal mercato più di 200.000 lavoratori, ma i nostri operai che restano a casa non fanno notizia come quelli di una fabbrica che chiude". "Nelle zone dove la crisi è stata ancora più dura come il Nord Est - ha aggiunto - troviamo situazioni disperate, imprenditori che di fronte all'umiliazione di dover rinunciare alla propria impresa decidono di togliersi la vita".
Buzzetti ha poi sottolineato che la domanda pubblica continua a ridurre gli investimenti in nuove infrastrutture (-21% dal 2004 a oggi).
Parlando degli scandali degli ultimi mesi ha poi detto "noi non siamo la cricca e non potremo mai esserlo". "Non ci arrabattiamo tutto il giorno per cercare una raccomandazione o per entrare a far parte dei circoli di potere che aiutano a scalare la vetta e che sono in grado di trasformare aziende artigiane che nessuno conosceva prima in imprese con un fatturato con molti zeri".
Il presidente ha detto di voler regole chiare e procedure snelle. Il numero uno dell'Ance ha quindi spiegato che i costruttori dicono "no alla pletora di commissari straordinari speciali, di società in house che con ampi poteri e in totale monopolio restringono in modo soffocante un mercato che, già messo in ginocchio dalla crisi, rischia di diventare un'isola per pochi, e permettetemi di dirlo, neanche per i migliori".
L'Ance, ha poi aggiunto, è consapevole della crisi della finanza pubblica, ma esprime forti perplessità sulla pesante riduzione di risorse per investimenti in capitale fisso prodottasi negli ultimi anni: -20% nel 2009-2010, a cui farà seguito un'ulteriore riduzione del 10% per gli anni 2011-2012. Un taglio rilevante delle risorse destinate a nuove infrastrutture che rappresentano ormai solo il 2% del bilancio statale.
Buzzetti ha quindi ricordato che degli 11,3 miliardi di euro del Piano Cipe finanziato nel 2009 solo il 2,7% si è trasformato in gare per lavori. Inoltre, conclude il suo intervento, a tre anni dall'avvio dei programmi 2007-2013, dei 35,6 miliardi destinati a infrastrutture e costruzione nel Mezzogiorno solo circa l'8% risulta impegnato. (LF)


14 Luglio 2010
Powered by Adon