Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
15161718 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CREDITO

Masi, se c’è crisi si taglino stipendi manager

Argomento: Credito, Uil


Il responsabile del Comitato affari Sindacali e Lavoro dell'Abi Francesco Micheli, in un'intervista apparsa su Il Sole 24 Ore di oggi, venerdì 25 febbraio, ha detto che è possibile non parlare di esuberi nel settore del credito, ma in cambio di una riduzione degli stipendi dei lavoratori rientri. Per il segretario generale della Uilca, Massimo Masi, la proposta è una provocazione. Per il sindacalista "se proprio è necessario tagliare le retribuzioni nel settore, si deve cominciare da quelle dei top management e dei dirigenti, molti dei quali peraltro hanno solo una funzione di controllo del personale e di pressione su chi svolge attività commerciale".
Crediamo, ha aggiunto, "che Abi e sindacati abbiano di fronte sfide importanti e la Uilca è aperta a un confronto costruttivo, pertanto pensiamo che il rinnovo del Contratto Nazionale debba affrontare temi concreti e non bloccarsi sulla definizione di regole già sancite nell'accordo interconfederale del 2009, che l'Abi ha firmato e ora dovrebbe solo applicare, senza metterlo continuamente in discussione, ritenendolo troppo oneroso".
"Allo stesso tempo - prosegue - non regge la logica che ci troviamo in una situazione analoga a quella del 1998, quando si dovette procedere a una epocale ristrutturazione del sistema del credito, perché la patrimonializzazione delle banche è certamente molto più solida e la distribuzione dei dividendi dimostra che le aziende hanno risorse da elargire".
"In quest'ambito - aggiunge - va ricordato che l'attuale stabilità delle banche è stata raggiunta attraverso oltre un decennio di interventi in cui il sindacato e i lavoratori hanno dato prova di grande senso di responsabilità". "Sempre con questo spirito - conclude - la Uilca è quindi disponibile a un confronto serio e costruttivo in merito a una revisione del Fondo di Solidarietà di settore, che però preveda salvaguardie e crescita professionale per i lavoratori". (LF)


25 Febbraio 2011
Powered by Adon