Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2345 6
7 8910 1112 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PUBBLICO IMPIEGO

Frattini, Filt, Istat su salari fuorviante

Argomento: Cgil, Pubblico impiego

"Come spesso accade, i preziosi dati forniti dall'Istat rischiano di essere fuorvianti, se non letti con la dovuta attenzione". Lo sostiene Fabrizio Fratini, segretario nazionale Fp-Cgil commentando i dati commenta i dati del report "la struttura del costo del lavoro in Italia 2008" "Sostenere - sostiene - che le retribuzioni lorde nel settore privato siano inferiori dell'11,6% rispetto al settore pubblico, senza suddividere queste retribuzione per classi di addetti, e quindi senza tenere conto dell'alta scolarizzazione del lavoro pubblico e dei differenti profili professionali presenti, contribuisce soltanto ad alimentare falsi miti e non certo a fare chiarezza. Il fatto che questo report non tenga conto della Pubblica Amministrazione ma solo di Sanità, Scuola e Università, lo rende di fatto inutile. Per sapere che medici, dirigenti e professori universitari in media guadagnano più degli operai, non credo ci sia bisogno di scomodare l'Istat".
"Da almeno sette anni - prosegue - continuiamo a ripetere che i report dell'Istat utilizzano una metodologia di calcolo impropria, non tengono conto dell'articolazione delle retribuzioni, ad esempio escludendo il salario accessorio dal computo, e delle differenze tra i comparti. "Una rilevazione di questo tipo - conclude il sindacalista - non contribuisce a fare chiarezza su un tema spesso oggetto di scontro e di strumentalizzazioni politiche, ma soprattutto non fa bene al lavoro pubblico". (LF)


08 Settembre 2011
Powered by Adon