Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
456 78 910
11121314151617
181920212223 24
2526272829 3031

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

EDILIZIA

Fillea, flessibilità ed erosione diritti non portano sviluppo

Argomento: Cgil, Edili

"Il nostro settore, in particolare il comparto dell'edilizia, è la dimostrazione plastica di quanto la flessibilità e l'erosione dei diritti siano l'anticamera non dello sviluppo ma dell'involuzione occupazionale e produttiva". E' quanto ha affermato oggi Walter Schiavella, segretario generale della Fillea Cgil, intervenendo a un incontro degli iscritti Fillea in Puglia in preparazione della manifestazione nazionale del settore delle costruzioni, promossa da Fillea, Filca e Feneal per il 3 marzo a Roma, che vedrà la partecipazione anche dei segretari generali delle confederazioni Camusso, Bonanni, Angeletti.

"In un settore dove il 95% delle imprese non raggiungono i 15 addetti, anzi in realtà non arrivano neanche a 3, - ha proseguito il sindacalista - c'è stato in tre anni un calo di 300mila occupati, una riduzione drastica della produzione, del monte ore salari e un largo ricorso alle più anomale e sospette tipologie di lavoro - dai muratori a partita iva al part time - per non parlare poi dell'espansione paurosa del sommerso e del caporalato". Una situazione che, a giudizio del leader della Fillea, non corrisponde "alla flessibilità buona generata da una riforma del mercato del lavoro e dalla revisione dell'articolo 18".
Per Schiavella "il governo mostra un profonda incoerenza con gli annunci del presidente Monti". Inoltre, dice, "equità, rigore e crescita sono ancora parole lontane dall'essere fatti concreti. Penso alla riforma delle pensioni, credo che il governo non abbia ancora capito che i lavori non sono tutti uguali, o all'approccio sulla riforma degli ammortizzatori sociali, dove non si capisce se si vuole estendere la cassa ordinaria anche all'edilizia, come invece sarebbe necessario".

Infine da Schiavella l'invito al governo a "non seguire le orme del precedente, cioè far da soli, fare a meno del consenso di settori importanti del mondo del lavoro come la Cgil, dividere il paese e contrapporre gli interessi, soprattutto quelli forti da quelli deboli".

 


21 Febbraio 2012
Powered by Adon