Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ENI

Gigli, affrontare problemi chimica su diversi fronti

Argomento: Chimici, Cisl, Edili

"Che l'amministratore delegato dell'Eni, Paolo Scaroni, dica che è arrivato il momento del rilancio della chimica in Italia è un buon segnale ma il settore presenta problemi ben più complessi che vanno affrontati nel loro insieme".

E' quanto sostiene Sergio Gigli, segretario generale della Femca Cisl, a seguito delle dichiarazioni del ceo di Eni che, a Londra, ha illustrato agli analisti il Piano strategico per il prossimo quadriennio. Piano che prevede anche il lancio di una nuova divisione, EniVersalis, che si concentrerà sui mercati emergenti e sui prodotti a valore aggiunto come le resine.

"Ma proprio perché Scaroni parla a tutto campo annunciando investimenti di Eni nella ricerca per 1,4 miliardi di euro e la scommessa sulla chimica verde con il progetto di Porto Torres - spiega Gigli - è necessario che si garantisca sviluppo e sostegno a tutte le attività su tre fronti diversi. Il primo è quello della chimica di base che avrà vita per altri cento anni e rispetto alla quale rischiamo di dipendere dall'estero come già avviene per il gas".

Il secondo è quello dei carburanti. "Bisogna intervenire sul nodo delle dodici miglia e sui divieti di perforazione in alcuni territori come quelli in Val d'Agri, Abruzzo, Sud Sicilia e Calabria".

Il terzo fronte, infine, è quello delle liberalizzazioni previste dal decreto legge del Governo. "Da questo punto di vista, la separazione di Snam da Eni rimane una nota dolente e confusa. - conclude Gigli - Questa operazione ci preoccupa perché ancora mancano provvedimenti e decisioni tesi a valorizzare la specificità e competenza di Eni".

 


19 Marzo 2012
Powered by Adon