Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
4 56 7 8 910
11 12 13 1415 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

POPOLARE BARI

Masi, accordo non riguarda esodati passati

Argomento: Credito, Uil

Correlati

“Le notizie di stampa in merito all’accordo per gli esodati sulla Banca Popolare di Bari sono fuorvianti e rischiano di generare aspettative non percorribili per i lavoratori del settore che hanno già lasciato il servizio”. Lo sostiene Massimo Masi, segretario generale della Uilca in una nota.
“L’intesa – si legge - raggiunta non prevede il rientro di persone che sono già fuori dall’azienda, ma la possibilità di reintegro per quanti devono ancora lasciare la banca e in futuro si trovassero nella condizione per cui l’accompagnamento alla pensione terminerà prima della maturazione dei requisiti previdenziali e il governo non abbia nel frattempo trovato le opportune soluzioni”.
“Quanto definito in Banca Popolare di Bari – prosegue la nota - come in altre banche e Gruppi, può quindi essere esempio solo per eventuali prossimi accordi e per chi deve ancora lasciare le aziende, ma non per chi è già fuori dal servizio”.
“La Uilca – dice - ha sempre sostenuto e proposto queste soluzioni, ma ribadisce che tutto ciò riguarda eventuali prossimi accordi e prossime uscite di lavoratori, pertanto auspica che il Governo dia al più presto risposte concrete di tutela per tutte le donne e gli uomini già in esodo, ora fuori dalle aziende, che vivono una situazione di incertezza inaccettabile”.
“I lavoratori del credito – conclude - che si trovano in questa condizione sono oltre 7.000 e ognuno di loro ha compiuto una scelta di vita e famigliare fondamentale, a seguito di una possibilità prevista da precisi piani d’impresa elaborati dalle banche, che hanno poi avviato riorganizzazioni eliminando quei posti di lavoro e riducendo uffici, sportelli e Direzioni”.“Per loro il governo e il ministro Elsa Fornero – sostiene - devono trovare soluzioni chiare, certe e percorribili e non limitarsi a generiche lettere di incontro come quelle inviate da Cgil, Cisl e Uil nei giorni scorsi”. (LF)


02 Maggio 2012
Powered by Adon