Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 78910 11
12 1314151617 18
192021222324 25
26 27 28 2930 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

EDILIZIA

Sindacati a governo, subito tavolo per rilancio settore

Argomento: Edili

Correlati

Un presidio al ministero dello Sviluppo economico per chiedere un tavolo di confronto per le costruzioni e il rilancio del settore: ad organizzarlo, martedì 17 luglio a partire dalle ore 10, saranno i sindacati di categoria Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil. Con questa ennesima iniziativa di protesta, che segue di circa quattro mesi la grande manifestazione unitaria del 3 marzo a Roma con 30mila lavoratori, i sindacati intendono denunciare l'inadeguatezza dei provvedimenti assunti finora dal governo per il settore costruzioni e chiedere di essere convocati a un tavolo che fissi tempi certi e priorità d'intervento.

“Il settore – osservano i segretari generali Antonio Correale della Feneal Uil, Domenico Pesenti della Filca Cisl, Walter Schiavella della Fillea Cgil, - continua a soccombere sotto il peso di una crisi senza precedenti che ha spazzato via 400mila posti di lavoro e se consideriamo l'indotto ormai siamo a mezzo milione. Questa nuova mobilitazione si è resa necessaria perché in questi mesi il governo non ha dato risposte, mentre la crisi si è ulteriormente aggravata e le misure in corso di approvazione non sembrano efficaci a garantire la crescita né a fornire adeguate protezioni sociali in termini previdenziali e di ammortizzatori sociali - proseguono i tre generali - e l’ulteriore innalzamento dell’età pensionabile, che penalizza e aggrava la situazione di chi svolge lavori fisicamente pesanti e usuranti, ne è la dimostrazione”.

Le tre sigle, anche in relazione alle prime insufficienti misure contenute nel decreto sviluppo, rilanceranno i temi posti dalla piattaforma unitaria, in particolare quelle proposte finalizzate a garantire uno sviluppo sostenibile e un lavoro regolare e di qualità, come il rilancio delle infrastrutture, piani di intervento sulle città, gli incentivi per la messa in sicurezza dal rischio sismico e per il risparmio energetico, la messa in sicurezza del territorio e del patrimonio pubblico, l’attuazione della Patente a punti e del Durc per congruità nei lavori privati, lo sblocco del Patto di stabilità per gli enti locali, l’accesso al credito, l’avvio degli accordi di programma.


13 Luglio 2012
Powered by Adon