Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 23 45
6789101112
131415161718 19
2021 2223242526
27282930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

FEDERCULTURE

Oggi sciopero dei lavoratori

Argomento: Cgil, Cisl, Pubblico impiego, Uil

“Alta la partecipazione alle 2 ore di sciopero dei lavoratori aderenti al contratto Federculture di Roma e del Lazio, indetto dalle federazioni di categoria di Cgil Cisl e Uil”. Lo scrivono i sindacati in una nota. Ad incrociare le braccia, nell’ambito di un percorso nazionale di mobilitazione, centinaia di addetti delle società che gestiscono servizi culturali e ambientali per conto delle amministrazioni pubbliche. Al centro della protesta la richiesta di rinnovare il contratto scaduto da 3 anni.

Le Aziende Lazioservice, Zetema, Centro Sperimentale di Cinematografia, Palaexpo, Eur Spa, Velletri Servizi Spa, Federparchi, contano circa  3500 lavoratori che svolgono attività di servizio per conto di Roma Capitale e della Regione Lazio,  garantiscono quotidianamente l’apertura dei 17  Musei Civici e dei maggiori spazi espositivi della città, custodiscono l’immenso patrimonio cinematografico del Paese attraverso la Cineteca Nazionale, e forniscono assistenza e supporto tecnico – amministrativo di interesse pubblico agli uffici di tutta la regione.

“Alle criticità del rinnovo contrattuale – si legge - si sommano quelle legate ai tagli della spending review. Il provvedimento adottato dal governo, introduce infatti nuovi tagli lineari alla spesa pubblica e rischia di mettere in seria difficoltà la tenuta dei settori collegati. Una scelta miope, secondo la Cisl Fp che è mobilitata per chiedere la modifica del decreto, perché senza investimento e tutela della cultura si trapano le ali allo sviluppo turistico-culturale e più in generale si toglie la spinta necessaria a generare sapere e innovazione”.

“Con l’astensione di oggi – conclude la nota - i lavoratori reclamano l’apertura di un tavolo di confronto con le controparti datoriali per discutere una nuova proposta economica per il rinnovo del contratto: difesa del potere d’acquisto e valorizzazione delle professionalità per garantire servizi di qualità ai cittadini le priorità espresse. In mancanza di un confronto, rimarcano le organizzazioni sindacali, seguiranno ulteriori iniziative di protesta”.


13 Luglio 2012
Powered by Adon