Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234 5
6 7 891011 12
1314 15 16 17 18 19
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

DECRETO BALDUZZI

Lo Spi Cgil boccia le nuove norme

Argomento: Cgil, Previdenza

"La lettura sulla Gazzetta Ufficiale del testo del Decreto Sanità in vigore da oggi conferma purtroppo l'inutilità del provvedimento per un reale potenziamento delle cure primarie territoriali e l'inconsistenza del fumo mediatico che ha sollevato: 'Garantire l'attività assistenziale per l'intero arco della giornata e per tutti i giorni della settimana' è infatti la stessa frase già contenuta da oltre 13 anni nell'art. 8 della legge 502/92 e ricopiata nell'art. 1 del Dl 158. La rivoluzione di Balduzzi è di fatto un copia e incolla della legge vigente e inoltre già dal 2005 la convenzione della medicina generale prevede 'la realizzazione della continuità dell'assistenza 24 ore su 24 e 7 giorni su 7'". Lo scrivono in una nota Cecilia Taranto, segretaria nazionale della Fp-Cgil, e Massimo Cozza, segretario nazionale della Fp-Cgil Medici.
"Ci sarebbe da sorridere come con Totò - dicono i due sindacalisti - se dietro non ci fosse il dramma dei tagli operati al servizio pubblico che hanno eliminato 18mila posti letto ospedalieri senza prevedere una maggiore assistenza territoriale 24 ore su 24, che servirebbe nella realtà e non solo nella propaganda, con scadenze precise e finanziamenti. Nel testo non si prevede neanche il passaggio alla dipendenza dei medici dell'emergenza sanitaria, fatto fondamentale per dare un'assistenza qualificata proprio nei momenti decisi per la vita dei cittadini".
"Lo stesso sbandierato merito professionale in sanità - continuano - si ferma sulla soglia del direttore generale nominato dai partiti, che continuerà a scegliere il primario, anche se all'interno di una terna".
"Si colpiscono – aggiungono - con effetti immediati medici ed operatori della sanità, che potranno essere spostati da una provincia all'altra, calpestando gli accordi contrattuali. Infine si consente alle regioni, inadempienti nel trovare gli spazi pubblici adeguati, di istituzionalizzare l'attività intramoenia del medico pubblico nello studio privato. Un istituto snaturato che si confonde con la privatizzazione e sul quale si vuole speculare con ulteriori balzelli e consentendo la libera professione negli studi solo a chi fattura almeno 12mila euro annui".
"Chiediamo – concludono - profondi cambiamenti del testo ed avanzeremo le nostre proposte a partire dalla riforma delle cure primarie che sarà presentata in una conferenza stampa il 20 settembre dalla Cgil Nazionale. (LF)


14 Settembre 2012
Powered by Adon