Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 23 45
6789101112
131415161718 19
2021 2223242526
27 282930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PUBBLICO IMPIEGO

Sindacati, basta con ideologia contro gli statali

Argomento: Cgil, Cisl, Pubblico impiego, Uil

“Fino a ieri avevamo il timore che la convocazione del Ministro Patroni Griffi fosse un goffo tentativo di oscurare lo sciopero generale del lavoro pubblico di venerdì. Con le sue dichiarazioni di ieri ne abbiamo  la certezza”, con queste parole Rossana Dettori, Giovanni Torluccio e  Benedetto Attili, rispettivamente Segretari Generali di Fp-Cgil, Uil-Fpl  e Uil-Pa, confermano lo Sciopero Generale programmato per venerdì 28  settembre dalle categorie del lavoro pubblico di Cgil e Uil.

“Una convocazione insensata – dicono - quando non provocatoria. I temi  dell'incontro sono quelli già trattati con l'accordo sottoscritto a  maggio con i sindacati di categoria e mai messo in pratica”. “Doversi  sedere per ridiscuterli dopo aver raggiunto una sintesi poi fatta a
pezzi dalla Spending Review ci sembra paradossale, come paradossale è il  fatto che il Ministro continui a mantenere questo atteggiamento  ondivago”. “Inizialmente era parso immune alla propaganda della sua  collega Fornero – aggiungono i tre segretari generali - salvo poi  adeguarsi al furore ideologico di chi pensa di poter strumentalizzare il  lavoro pubblico, un capro espiatorio buono per tutte le stagioni”.

“Se davvero – dicono – Patroni Griffi vuole affrontare un dibattito serio, la smetta di  partecipare alla caccia alle streghe del ministro del Lavoro, che  continua a predicare il licenziamento dei lavoratori pubblici senza  sapere che questo è già possibile e fingendo di non sapere che a questa possibilità si affiancherà presto la certezza degli esuberi e dei percorsi di mobilità avviati con la Spending Review”. “La delicatezza del momento richiederebbe maggiore serietà – concludono Dettori, Torluccio e Attili – e la capacità di mantenere gli impegni presi, soprattutto  quando si sono chiesti così pesanti sacrifici ai lavoratori”.

(LF)


25 Settembre 2012
Powered by Adon