Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
4 56 7 8 910
11 12 13 1415 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LEGGE DI STABILITA'

Centrella, ancora insufficiente

Argomento: Ugl

Correlati

“E’ un testo con alcune buone intenzioni ma insufficienti soprattutto per lavoratori e pensionati, ancora di più se dipendenti pubblici, e che dimentica di chiedere sacrifici veri a chi più ha attraverso una patrimoniale”. È questo il giudizio del segretario generale dell’Ugl, Giovanni Centrella, sulla legge di stabilità.

Per il sindacalista “il taglio dell’Irpef sui redditi bassi risponde di certo alle richieste dell’Ugl, ma viene annullato se non sopravanzato dall’aumento delle aliquote Iva, dai tagli alla Sanità, dal blocco degli stipendi della Pubblica Amministrazione fino al 2014 e dalla stretta su Regioni, Provincie e Comuni, che può tradursi in una contrazione dei servizi e in ulteriori tasse locali. Si tratta di misure ispirate ancora al rigore, che porteranno ad un ulteriore blocco del mercato interno, quindi delle produzioni e dell’occupazione. Alla luce di tutto ciò, anche la pur encomiabile introduzione della Tobin Tax appare un semplice pallativo”.

“Così anche l’importante detassazione del salario di produttività – conclude Centrella –, in sé certamente utile e mirato a favorire un’intesa tra sindacati e imprese, rischia di tradursi in una buona intenzione non utile a smuovere la crisi in cui è caduta l’industria, visto che ha fallito già altre volte e in un contesto assai meno critico e meno compromesso di quello attuale”.  


10 Ottobre 2012
Powered by Adon