Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 23 45
6789101112
131415161718 19
2021 2223242526
27282930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

UGL

Un decalogo anticrisi per le famiglie

Argomento: Lavoro, Ugl

Correlati

“La Famiglia oltre la crisi. Dieci obiettivi per tante buone pratiche”. E’ questo il titolo del documento programmatico presentato questa mattina dal segretario generale dell’Ugl, Giovanni Centrella, nella sede del sindacato a via Margutta.

Nel documento, a cura del dipartimento della famiglia, politiche e diritti e delle pari opportunità dell’Ugl, sono raccolte dieci proposte sui temi del lavoro, della casa, del fisco, della sanità e della scuola, per valorizzare e difendere la famiglia. I diversi obiettivi dell’Ugl, - ha spiegato il segretario generale – sono: ottimizzare le risorse disponibili a favore dei nuclei familiari, favorire l’occupabilità delle donne, la conciliazione dei tempi di vita e lavoro, la ripresa della natalità.

La famiglia, secondo l’Ugl, deve essere valorizzata perché “rappresenta l’istituzione più importante della nostra società ma viene lasciata ai margini o comunque non sufficientemente tutelata nelle varie agende politiche. Ciò accade perché quasi sempre problemi e tematiche vengono affrontati in comparti stagni”. L’Ugl con questo opuscolo ha voluto “mettere a sistema”, trovando un comune denominatore, tutte le iniziative assunte a livello nazionale, territoriale ed aziendale, analizzandole approfonditamente e evidenziandole come “buone pratiche” già attuate da Regioni, Province, Comuni ed aziende. A dimostrazione di come sia possibile agire già oggi in maniera efficace, nonostante la crisi e la carenza di risorse.

Tra le priorità dell’Ugl (primo punto del documento programmatico), quella di un fisco più equo, che il governo - sottolinea Centrella – “avrebbe potuto garantire, inserendo una patrimoniale vera, invece di far pagare l’Imu a chi ha di meno”. A essere colpiti dalle scelte dell’esecutivo per Centrella, infatti, “è sempre il ceto basso, le famiglie, i pensionati, gli operai e gli impiegati”. E’ necessario, invece, secondo il sindacato di via Margutta, ripartire dal quoziente familiare e dalla riduzione del carico fiscale per i redditi da lavoro dipendente e da pensione.

Altro serio problema da affrontare è quello della casa. L’Ugl propone l’avvio di un piano nazionale per aumentare la disponibilità allogiativa, anche attraverso l’housing sociale, con particolare riferimento alle fasce più deboli, e l’avvio di una conferenza nazionale sulla casa.

Ancora nel documento c’è la richiesta di un rafforzamento del welfare, con la semplificazione nell’accesso ai servizi socio-assistenziali, ad iniziare da quelli per l’infanzia e la non autosufficienza, e l’istituzione di un osservatorio per la disabilità nelle aziende private con più di 400 dipendenti.

In merito alla questione del lavoro, particolare attenzione è rivolta alle problematiche femminili, a cominciare dalla richiesta di conciliazione dei tempi di vita con quelli dedicati al lavoro. In particolare viene proposta l’adozione di piani della città e la diffusione in ambito aziendale di misure di flessibilità oraria da concordare con la rappresentanza sindacale, l’incremento della durata del congedo di maternità, l’adozione di incentivi fiscali e contributivi per favorire il reinserimento e l’inserimento delle donne. Infine, attenzione viene data anche alla formazione, con l’obiettivo di rafforzare il ruolo d’intermediazione e orientamento al lavoro, all’inclusione e all’integrazione delle famiglie povere e immigrate, alla sicurezza della città, all’ambiente, sviluppo e consumo. (FRN)


17 Dicembre 2012
Powered by Adon