Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
1516171819 2021
222324252627 28
2930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Ugl Tlc, Ugl IA, stop a gare massimo ribasso

Argomento: Tlc, Ugl

E’ iniziata questa mattina la campagna nazionale dell’Ugl Telecomunicazioni e l’Ugl Igiene Ambientale contro le gare al massimo ribasso delle aziende sia pubbliche che private.
“Ormai da lungo tempo – si legge in una nota di Stefano Conti segretario nazionale Ugl Telecomunicazioni - denunciamo nel settore delle telecomunicazioni la consuetudine dei committenti di assegnare appalti ai call center in outsourcing a prezzi di molto inferiore al costo medio del lavoro come previsto dal ccnl di categoria ”.  “Purtroppo – continua - una logica molto aggressiva di contenimento dei costi applicata dalle grandi aziende, unitamente ai grandi ritardi nei pagamenti ai fornitori da parte degli enti pubblici, ha causato negli ultimi anni la perdita di migliaia di posti di lavoro, molti dei quali sono stati trasferiti all’estero per effetto delle delocalizzazioni; il tutto a scapito della qualità del servizio erogato agli utenti”.
"Il comparto igiene ambientale -  dichiara invece il segretario nazionale di categoria Giancarlo Favoccia - è interamente strutturato sul regime di appalto e spesso grossi consorzi nazionali vincono appalti in tutta Italia e poi affidano la gestione dei vari segmenti territoriali a società che, in alcuni casi, non risultano neanche dalle visure camerali”.
“Consorzi in cui - prosegue il sindacalista - esiste una sorta di subappalto, dove i lavoratori migrano continuamente dall’una all’altra società consorziata senza alcuna garanzia in caso d’inadempienze retributive e contributive".
"Occorre vigilare sui subappalti a tempo - conclude Favoccia - dove non si investe, quindi, neanche in sicurezza, dove manca la formazione professionale dei lavoratori in quanto nessuna società si sente in dovere di formare il personale e investire se sa di avere un appalto per un 1 anno o anche meno. Stesso discorso si evidenzia per le gare di appalto svolte sempre più spesso al massimo ribasso, a danno esclusivamente dei lavoratori che, il più delle volte, sono part – time e, quindi, già di per sé  precari".
“In conclusione - dichiarano i sindacalisti - potremmo dire che la Pubblica Amministrazione usa la spending review sui fornitori e a danno dei lavoratori,  invece di tagliare i costi della sua burocrazia ed investire sulle professionalità dei suoi dipendenti”. (LF)


12 Febbraio 2013
Powered by Adon