Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8910111213 14
151617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

FIDUCIA GOVERNO

Cida, positivo primo discorso Letta

Argomento: Dirigenti

Correlati

“La voglia di tornare a crescere e rilanciare il Paese attraverso alcune riforme strutturali non più rimandabili e la centralità del lavoro e dei problemi di chi soffre maggiormente, in primis disoccupati e esodati, sono una buona premessa per l’attività del governo”. Lo afferma Silvestre Bertolini, presidente Cida il soggetto che rappresenta unitariamente a livello istituzionale quasi un milione di dirigenti, quadri e alte professionalità del pubblico e del privato.
 “Le linee programmatiche del governo Letta sono alte, di ampia portata e condivisibili – continua Bertolini – anche perché accompagnate da una forte e costruttiva autocritica, elemento fondamentale per la ricostruzione della fiducia dei cittadini nella politica. Determinante la voglia di scommettere sui giovani, sulle donne, sull’integrazione e sull’internazionalizzazione di un Paese che vuole aprirsi e essere protagonista di un Europa più forte. Vitale è la promessa di ridurre il costo del lavoro e il peso fiscale, e di puntare sulla lotta all’evasione, ma anche su un fisco amico dei cittadini. Unico neo in un discorso che ci ha ridato fiducia e speranza è la quasi assenza di parole chiare sugli indispensabili taglia alla spesa pubblica”.
 “Le categorie rappresentante da Cida – dice Bertolini – vogliono essere parte attiva di questo annunciato e forte rinnovamento. Faremo avere al Presidente Letta i nostri contributi, considerata la sua volontà di rendere maggiormente protagoniste le parti sociali più rappresentative, nelle politiche del lavoro”.
“Pensiamo – conclude – che i manager che combattono sul mercato quotidianamente per far crescere, con imprenditori e collaboratori, le loro aziende e non hanno stipendi milionari – debbano avere un ruolo da protagonisti in questa ripresa. Chiederemo che questa risorsa della quale il Paese ha assoluto bisogno venga sfruttata al meglio coinvolgendoci nelle decisioni per la crescita e lo sviluppo e favorendo una maggior managerialità delle aziende”. “I tanti, troppi manager – conclude - oggi privi di occupazione, devono e possono diventare risorsa vitale soprattutto per le Pmi e per far così crescere l’occupazione”.


29 Aprile 2013
Powered by Adon