Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SINDACATO

Ecco il "manifesto" Fiom per il Partito del lavoro

Argomento: Cgil, Metalmeccanici

Il “partito del lavoro” forse non nascerà, ma la base del suo programma, volendo, è già pronta. L’occasione per lanciarlo sarà la manifestazione organizzata dalla Fiom per  sabato  18 maggio, in piazza San Giovanni a Roma. Lo schema è quello del volantino sindacale, i contenuti quelli di un programma di governo decisamente “di sinistra”, che su diversi punti coincide con quello lanciato dal M5S. Non a caso Maurizio Landini, segretario della Fiom, è forse il solo leader sindacale apprezzato dai grillini. Le parole d’ordine del “manifesto” dei metalmeccanici Cgil sono quelle basiche: “diritto al lavoro, all’istruzione, alla salute, al reddito, alla cittadinanza, per la giustizia sociale e la democrazia”. Segue una durissima analisi sulle politiche economiche degli ultimi due governi. In sintesi, si afferma che negli ultimi anni  è andata così: prima il governo Berlusconi ha negato la crisi, poi il Governo Monti l’ha utilizzata come leva per far passare  le politiche di austerità europee, causando una sempre più profonda iniquità sociale. I risulati:  “il 10 per cento della popolazione possiede il 50 per cento della ricchezza, mentre i responsabili della crisi hanno continuato ad aumentare le proprie rendite, le banche hanno ridotto il credito e investito in titoli spazzatura, la Confindustria ha puntato sulla cancellazione dei diritti e la riduzione del salario”.  Gli atti concreti in cui si sono tradotte le politiche di rigore sono elencati puntigliosamente: “si è cancellato l’articolo 18, si è derogato ai contratti e alle leggi, si è tagliata la spesa sociale, si sono chiuse università, scuole, ospedali, sono state rinviate e ridotte le pensioni”. Non solo: “hanno addirittura provato a generare una guerra tra inoccupati, disoccupati, precari, giovani e anziani, donne e uomini”. Il risultato: l’Italia continua ad essere il paese con la massima evasione fiscale e la minore tassazione delle rendite finanzarie, mentre attraverso le politiche fiscali si sono spremuti come limoni pensionati e lavoratori dipendenti, mentre continuano le ondate di licenziamenti, aumenta la povertà, la diseguaglianza sociale, l’inaccessibilità del lavoro. E tra gli “effetti collaterali” di questa “solitudine”  in cui è stata la Fiom ricorda anche i troppi suicidi per motivi economici.

“Non vogliamo più essere divisi e ricattati, adesso basta, è ora di cambiare”, afferma la categoria dei metalmeccanici Cgil. E dunque, ecco la proposta di un programma non solo sindacale, ma che contiene i “titoli” di un  vero e proprio progetto di politica economica fortemente  e decisamente alternativo. Il programma prevede innanzi tutto la  “riconversione ecologica del nostro sistema industriale, per valorizzare i nostri beni comuni: acqua, aria, terra”.  Per realizzarlo, si chiede “un piano straordinario di investimenti pubblici e privati” ma anche  il blocco dei licenziamenti, attraverso la riduzione d’orario, i contratti di solidarietà, l’estensione della cassa integrazione. E ancora, nel programma si parla esplicitamente di un “reddito di cittadinanza per disoccupati, inoccupati e studenti”, sul modello di quello richiesto dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, a cui va aggiunta anche “la rivalutazione delle pensioni”e una riforma previdenziale che “riconosca la diversità tra i lavori” Tra i punti del programma  viene citata anche la necessità di una severa guerra alla mafia e alle infiltrazioni criminali in economia, e la difesa di scuola e sanità pubbliche accessibili a tutti, sottolineando che oggi “per 9milioni di persone non è più garantito il diritto alla salute”. Sul piano più strettamente sindacale,  infine, il  “manifesto” della Fiom rivendica “un contratto nazionale che tuteli i diritti di tutte le forme di lavoro, con una legge sulla democrazia che faccia sempre votare e decidere i lavoratori”. Chi potrebbe sponsorizzare questo programma? Landini ha sempre negato di voler intraprendere una “carriera politica” in proprio, ma tra le forze politiche presenti in parlamento i possibili supporter del “manifesto” Fiom non mancano di certo. Il Movimento 5 Stelle, come già detto, la stessa Sel di Nichi Vendola, ma anche agli “scontenti” del Pd, e  tutti coloro che ritengono necessari interventi economici maggiormente inclusivi, che tengano conto del disagio sociale del paese. Tema su cui l’allarme, lanciato ormai da mesi dai sindacati, viene oggi raccolto non solo da parte delle istituzioni, a partire dalla presidente della Camera Laura Boldrini, ma anche dagli osservatori del Viminale, e perfino dal presidente della Bce Mario Draghi. Certo, calcolatrice alla mano, le proposte economiche della Fiom richiederebbero un contesto di conti pubblici e disponibilità di risorse finanziarie decisamente diverso da quello in cui versa l’Italia. Basti ricordare che il Governo Letta, al momento, è ancora alla ricerca di fondi per rifinanziare la cassa integrazione, ormai esaurita, col rischio di lasciare a secco, tra un mese, 700 mila persone. Ma i sogni non si negano a nessuno, e non c’è dubbio che il “libro dei sogni” di Maurizio Landini potrà ispirare consensi a quella parte di paese che una volta veniva definita “debole” e oggi, invece, è da considerarsi “disperata”.

 Nunzia Penelope


10 Maggio 2013
Powered by Adon