Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234 5
6 7 891011 12
1314 15 16 17 18 19
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CONGRESSO FILCA CISL

Pesenti, serve buona edilizia

Argomento: Cisl, Edili

“Subito una buona edilizia per rilanciare il settore”. Lo ha chiesto Domenico Pesenti, segretario generale della Filca-Cisl, nel corso del XV congresso della categoria, in svolgimento a Colli del Tronto
 “La nostra organizzazione – ha detto - è formata da un esercito composto da migliaia di militanti e centinaia di delegati, operatori, dirigenti. Nel 2012 gli associati hanno superato quota 302mila, e questo nonostante il calo di addetti”.
Il congresso darà il via al processo di aggregazione tra la Filca e la Fai, il sindacato dell’agroalimentare, con la costituzione di una nuova categoria da oltre mezzo milione di iscritti. Pesenti ha fatto il punto sullo stato di salute dell’edilizia: “In cinque anni, dall’inizio della crisi, si è registrato il crollo del 30% della produzione,  del 20% del fatturato, del  40% degli investimenti pubblici. Sono ben 550.000 i posti di lavoro persi, considerando anche l’indotto”. “La ricetta per rilanciare l’edilizia – ha proseguito - passa per la pratica della buona edilizia: vogliamo una edilizia rispettosa dell’ambiente che metta in sicurezza il territorio, che recuperi i centri storici e le aree industriali dismesse, che metta a norma gli edifici pubblici, a partire dalle scuole, che ristrutturi il patrimonio edilizio italiano rendendo ecosostenibile, o ecocompatibile, con costruzioni che consumino meno energia e inquinino meno”. “Per mettere in circolo il poco denaro disponibile – ha detto - è necessario allentare il Patto di stabilità per i comuni virtuosi, consentendo tra l’altro un più rapido pagamento delle imprese da parte dello Stato per rilanciare investimenti pubblici diffusi capillarmente sul territorio”. “Inoltre – ha proseguito il segretario generale della Filca – è necessario rendere stabili e strutturali gli incentivi e gli sgravi per la ristrutturazione per rilanciare, accanto a quella pubblica, anche l’edilizia privata”. Tra le proposte lanciate nel corso del congresso anche la realizzazione della Patente a punti, un sistema che premia le aziende in regola, e la semplificazione della contrattazione, con la riduzione del numero dei contratti. “In particolare – ha detto  – è importante che in ogni luogo di lavoro sia applicato un unico contratto, e quindi nel cantiere si deve applicare solo il contratto degli edili”. “Per fare questo – ha concluso - bisogna parificare i costi contributivi per tutti i settori, per evitare forme di concorrenza contrattuale, e sottoscrivere un accordo interconfederale che disciplini l’applicazione contrattuale nei luoghi di lavoro in base all’attività prevalente”.


13 Maggio 2013
Powered by Adon