Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

METALMECCANICI

Venturi, Fiom, quella del ricorso giudiziale non può essere la via maestra

Argomento: Cgil, Metalmeccanici

“Chi come me, e con me molti altri, ha sostenuto nel Comitato centrale della Fiom l'inopportunità di ricorrere alla Giustizia civile, rispetto alla violazione dell'accordo interconfederale del 28 giugno 2011 verificatasi in occasione dell'accordo separato sul contratto dei metalmeccanici del dicembre 2012, non può certo essere soddisfatto o compiaciuto per l'esito avverso che il ricorso stesso ha adesso avuto.” Lo scrive Gianni Venturi, della minoranza Fiom in una nota.
“Tuttavia – si legge - sarebbe sbagliato far finta che non sia successo nulla. Erano, infatti, già allora, sufficientemente chiare le titolarità dell'accordo del 28 giugno, come era sufficientemente chiara la natura politico-sindacale dei nodi che si presentavano.”
“Per questo – prosegue - a un preoccupato giudizio sulla reale esigibilità degli accordi interconfederali, oggi deve seguire la presa d'atto che il ricorso giudiziale non può continuare a essere la via maestra da percorrere per mettersi alle spalle una stagione di divisioni, di accordi separati, di oggettivo peggioramento delle condizioni materiali di vita e di lavoro dei metalmeccanici.”
“Bisogna investire – sostiene - anche con la manifestazione di sabato prossimo, sul fatto che l'accordo sui temi della rappresentanza e della democrazia definito il 30 aprile tra Cgil, Cisl e Uil diventi rapidamente un accordo con Confindustria e con le altre associazioni di impresa.”
“Solo questa pre-condizione – aggiunge - può aprire la strada ad una legislazione di recepimento e di sostegno che renda inequivocabilmente esigibili gli accordi e riconosca il diritto dei lavoratori a validare i Contratti nazionali.”
“La pratica negoziale unitaria – conclude - come dimostrato anche ieri con il rinnovo del contratto delle cooperative metalmeccaniche, continua ad essere l'unica modalità che consente di rappresentare e tutelare al meglio gli interessi dei lavoratori. Lo dovrebbero riconoscere anche Fim e Uilm.”


14 Maggio 2013
Powered by Adon