Quasi 700mila vittime di sfruttamento per lavoro. Un business che frutta oltre 35 miliardi annui e che "imprigiona" 21 milioni di persone In Europa sono 800mila le persone ridotte in schiavitù

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8910111213 14
151617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

IMMIGRAZIONE E SFRUTTAMENTO

In Europa sono 800mila le persone ridotte in schiavitù


Correlati

Secondo l'Ilo (International Labour Organization, ndr),  solo in Europa, 880 mila persone sono ridotte in schiavitù, un terzo delle quali destinate alla prostituzione e quasi 700 mila vittime di sfruttamento per lavoro. Un business che frutta oltre 35 miliardi annui e che "imprigiona" 21 milioni di persone, alimentando l`illegalità, la tratta, il dumping contrattuale e la concorrenza sleale. È quanto emerge dal convegno "Le sfide dell`Immigrazione: solidarietà, lavoro e integrazione", organizzato a Roma da Cisl, Fai Cisl, Filca Cisl ed Anolf, in occasione della giornata internazionale del migrante.

Nell'era della globalizzazione, "dobbiamo affrontare il fenomeno dell`immigrazione con concretezza e coraggio, favorendo una sana e positiva integrazione tra chi arriva e chi accoglie, diversamente, finiremmo con il diffondere il rifiuto, la discriminazione, i traffici ed i trafficanti dello sfruttamento". Lo dichiara in una nota il Segretario confederale della Cisl, Liliana Ocmin.

In merito ai dati forniti dal ministero del Lavoro, in 439 casi, “la violazione della legge - osserva Ocmin - ha assunto carattere penale poiché si sono verificati casi di sfruttamento del lavoro minorile: ben 816 sono gli immigrati irregolari, risultanti dal controllo”. Il lavoro irregolare è preponderante in agricoltura (58%) e nell'edilizia (43%).


17 Dicembre 2013
Powered by Adon