Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ISTAT

In calo presenza di aziende straniere in Italia


Nel 2011 più d'una azienda straniera lasciava il nostro paese, in quell'anno infatti le imprese a controllo estero nel paese registravano un calo dell'1,6% rispetto al 2010. L'occupazione però non ha subito perdite: anzi, nelle aziende straniere si è registrato un aumento lieve della forza lavoro (circa 1,2 milioni di lavoratori, +1,1%). Lo rileva l'Istat, nel report dedicato alle imprese a controllo estero residenti in Italia. Anche fatturato (+5,3%) e valore aggiunto (+3,3%) sono risultati in crescita, in parte, spiega l'Istituto, "per effetto di alcune importanti acquisizioni da parte di investitori esteri". Le imprese a controllo estero residenti in Italia sono 13.527 e occupano quasi 1,2 milioni di addetti nel 2011. Queste imprese realizzano in Italia un fatturato di 493 miliardi di euro e un valore aggiunto di 96,6 miliardi. Le multinazionali estere contribuiscono ai principali aggregati economici nazionali dell'industria e dei servizi con il 7,1% degli addetti, il 16,4% del fatturato e il 13,4% del valore aggiunto. Il contributo di queste imprese alla spesa privata in ricerca e sviluppo in Italia è molto rilevante (24,2%). Le imprese estere hanno una dimensione media di 88,6 addetti e realizzano una migliore performance rispetto alle imprese a controllo nazionale in termini sia di produttività sia di redditività, anche tenendo conto delle differenze dimensionali rispetto alle imprese nazionali. Il costo unitario del lavoro è più alto per le imprese multinazionali estere in Italia rispetto a quello sostenuto dalle imprese a controllo nazionale (+45%, quasi 46 mila euro contro quasi 32 mila). Le multinazionali estere contribuiscono a un quarto delle esportazioni nazionali (25,3%) mentre il loro apporto sugli acquisti dai mercati internazionali e' del 44,5%. 


17 Dicembre 2013
Powered by Adon