Farina : E’ interessante, ma oggi, la priorità della crisi industriale del Friuli è Electrolux. Da Fim Cisl una prima risposta al Piano “Pordenone laboratorio per una nuova competitività”

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 78910 11
12 1314151617 18
192021222324 25
262728 2930 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PORDENONE

Da Fim Cisl una prima risposta al Piano “Pordenone laboratorio per una nuova competitività”

Argomento: Aziende, Cisl, Sindacato

 Arriva una prima risposta positiva dopo la proposta  avanzata dall’Unione industriali di Pordenone al sindacato territoriale e alla Regione con il documento “Pordenone laboratorio per una nuova competitività” che vuole individuare i punti di crisi e limitarne gli effetti sulla realtà dell’occupazione.La Fim Cisl in un comunicato stampa comunica di ritenere valida l’anilisi che mira a difendere e incentivare la presenza industriale nella regione anche se ribadisce che il nodo di  oggi, la priorità della crisi industriale del Friuli è Electrolux. L’Unione industriali del Friuli Venezia Giulia punta a un accordo che costruisca condizioni normative più fluide, riducendo  il costo del lavoro e favorendo  gli investimenti delle aziende. Il supporto pubblico è considerato indispensabile e servirebbe ad assicurare aiuti finanziari alle imprese, facilitare il coinvolgimento e la partecipazione dei lavoratori. Il segretario generale Fim Cisl Giuseppe Farina  in risposta  al piano per il Friuli sostiene che l’impegno del sindacato, del governo e degli amministratori locali debba essere concentrato su quanto necessario per scongiurare il declino e i rischi di chiusura dello stabilimento di Porcia.  Senza di questo, afferma Farina: “ qualsiasi discussione su cosa fare per tutelare le prospettive e la tenuta occupazionale del settore industriale in Friuli Venezia Giulia risulterebbe inutile.  Solo successivamente alla messa in sicurezza della presenza Electrolux in Italia e della continuità produttiva dello stabilimento di Porcia , continua Farina, sarà possibile avviare un confronto con le imprese e con le Amministrazioni Regionali del Friuli Venezia Giulia per valutare e approfondire le proposte utili a sostenere la presenza e l’occupazione industriale del territorio”. “Su Electrolux invece, conclude,  è ormai urgente e non più rinviabile la convocazione di un tavolo di confronto con il governo e con l’azienda.”

 


23 Gennaio 2014
Powered by Adon