Per Confcooperative, siamo al punto di non ritorno; l'Italia da sola rappresenta circa il 30% del debito delle PA di tutta Europa Un impresa su tre fallisce per ritardo pagamenti PA

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

DEBITI P.A.

Un impresa su tre fallisce per ritardo pagamenti PA


Per Confcooperative, un'impresa su tre in Italia fallisce per i ritardati pagamenti della PA. L'Italia da sola rappresenta circa il 30% del debito delle PA di tutta Europa.

Le cooperative vantano crediti per oltre 12 miliardi nei confronti della PA. Dai dati del MEF, denunica Confcooperative, si evince che non é stata pagata neanche la metà dei debiti accumulati al 31.12.2012. “A ciò, dichiara Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative, si aggiungono i ritardi che interessano tutto il 2013, sia per lo stock accumulato (punte che sfiorano l'80% nella sanità) sia per i ritardi, nonostante la direttiva comunitaria che imponeva il tetto massimo dei pagamenti a 60 giorni”.

Per Gardini, se non operiamo da soli come Italia, interverrà l'Unione Europea con procedure d'infrazione e ulteriori spese; quindi occorre  mettere un punto fermo e fare in fretta “prima che sia troppo tardi”.


03 Febbraio 2014
Powered by Adon