Per il segretario nazionale della Fim Cisl Ferdinando Uliano, se l’azienda non cambia posizione i sindacati sono pronti ad iniziative Uliano (Fim-Cisl): il contratto deve avere una soluzione salariale

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
15161718 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

FIAT

Uliano (Fim-Cisl): il contratto deve avere una soluzione salariale

Argomento: Aziende, Cisl, Metalmeccanici

Correlati

Nella giornata di oggi 6 febbraio a Roma si è riunito l’esecutivo Fim-Cisl del gruppo Fiat e CnhI, dopo la posizione di chiusura assunta dalla direzione aziendale del gruppo di non riconoscere alcun incremento economico per il 2014.

“Negli ultimi due incontri, sottolinea il segretario nazionale della Fim Cisl Ferdinando Uliano, l’azienda non ha fatto passi in avanti sui temi salariali per il periodo 2014 e 2015.  Nell’incontro del 5 febbraio, prosegue, la direzione aziendale ha ribadito l’indisponibilità ad erogare elementi economici per il 2014, portando a giustificazione la situazione di difficoltà del settore in Europa, le scelte di blocco salariale fatte da altre case automobilistiche, gli sforzi finanziari del gruppo nella fusione con Chrysler e nel piano d’investimenti che verrà comunicato il 30 aprile dall’amministratore delegato”.

Per la Fim-Cisl, “non c’è contratto senza soluzione salariale” e la Fiat e CnhI “devono cambiare posizione”. Per questi motivi, sottolinea il sindacalista, “abbiamo proposto e condiviso un percorso sindacale volto a rafforzare la posizione sindacale a partire dall’assemblea delle RSA e dei lavoratori, che verranno convocate nei prossimi giorni. Dobbiamo prepararci anche a mettere in campo iniziative, conclude il segretario, se l’azienda continuerà a mantenere questa posizione”.


06 Febbraio 2014
Powered by Adon