Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

FIAT

Aziende indotto Melfi minacciano uscita da contratto

Argomento: Metalmeccanici

Il consorzio Acm, per conto di 13 aziende metalmeccaniche dell'indotto della Fiat Sata di Melfi, ha annunciato "la cancellazione unilaterale di tutti gli accordi in essere, compresi quelli aziendali, e ha minacciato l'uscita dal contratto nazionale". Lo spiega Michele De Palma, coordinatore nazionale per la Fiom-Cgil del gruppo Fiat.

"Nonostante la mancanza di certezze produttive e occupazionali per i tremila dipendenti dei singoli stabilimenti e l'assenza di certezza sui volumi produttivi che Fiat Sata dovrebbe garantire, sottolinea De palma, nelle 13 aziende consorziate vengono cancellate la contrattazione, i diritti e il salario. Le aziende di Acm minacciano l'uscita dal contratto nazionale. Si tratta di un ricatto verso le maestranze e le organizzazioni sindacali, come già visto in Fiat”.

I delegati, che hanno tenuto un'assemblea insieme alla Fiom nazionale e regionale e alla Cgil regionale, hanno chiesto di mettere in campo tutte le azioni utili a chiedere il ritiro della lettera di recesso e la sospensione dei suoi effetti per l'apertura di un reale negoziato che parta dalla situazione industriale e di investimenti, sulla base di proposte utili ad affrontare le necessità produttive ed organizzative “per mantenere ed implementare l'occupazione nel rispetto dei diritti, degli accordi sottoscritti e della legge”.


24 Aprile 2014
Powered by Adon