Per le confederazioni le principali necessità della Ue dovrebbero essere il miglioramento dell’occupazione, la qualità del lavoro, la sicurezza e la salute dei lavoratori e dei cittadini L’appello di Cgil, Cisl e Uil alla Ue: serve più impegno

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SICUREZZA SUL LAVORO

L’appello di Cgil, Cisl e Uil alla Ue: serve più impegno


In vista delle elezioni europee che si terranno il prossimo 25 maggio, i sindacati confederali Cgil Cisl Uil ribadiscono la necessità di "interrompere la deriva che sta avvenendo sul piano delle tutele a livello europeo, chiedendo un nuovo impegno condiviso nel tracciare percorsi legislativi comunitari che proseguano nell'azione di garanzia delle tutele delle condizioni di lavoro, negli anni poste in essere, a partire dalla salute e sicurezza sul lavoro".

Negli ultimi tempi "si sono, difatti, susseguite da parte della Commissione Europea una serie di iniziative contrarie alla tradizione di tutela comunitaria, volte a semplificare il sistema normativo, stralciando i diritti, come, in particolare, REFIT (REgulatory Fitness e performance). Con la pubblicazione di REFIT, la Commissione - affermano le confederazioni in una nota congiunta - ha effettuato l'ennesimo passo verso un processo finalizzato alla deregolamentazione in Europa e al progressivo smantellamento della legislazione che tutela i diritti dei lavoratori portando all'indebolimento del dialogo sociale; questo processo rischia di trasformarsi in un vero e proprio arretramento della situazione puntando ad abbassare indistintamente i costi delle imprese, senza tenere conto della salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori”.

In questo quadro, i sindacati Cgil, Cisl e Uil ricordano che "ci troviamo attualmente in assenza di una strategia europea che avrebbe dovuto essere varata già nel 2013, per il cinquennio 2013-2018 e che invece non vedrà la luce prima del 2016".

L`attuale necessità dell`Unione Europea "è quella di migliorare l`occupazione, la qualità del lavoro, la sicurezza e la salute dei lavoratori e dei cittadini; questi obiettivi si potranno raggiungere solo con una ripresa ed un rafforzamento del dialogo sociale, oggi carente e debole per precisa volontà della Commissione".


16 Maggio 2014
Powered by Adon