Le ultime elezioni per i rinnovi delle Rsu hanno portato a galla le negative conseguenze della mancata adesione della Fiom alle regole del Testo unico unico sulla rappresentanza La questione delle regole tra Fim e Fiom

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
15161718 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ELEZIONI RSU

La questione delle regole tra Fim e Fiom


Fim Cisl ha chiesto alle tre confederazioni sindacali e a Confindustria di far applicare a tutti le regole del Testo Unico sulla rappresentanza”, se necessario anche attraverso “i meccanismi di soluzione dei contenziosi” previsti dall’accordo.

Secondo la Fim infatti la Fiom non segue quelle regole per il rinnovo delle Rsu e in alcuni casi avvia le procedure “senza riferimenti normativi al T.U. sulla rappresentanza”, in altri casi “raccoglie firme non certificate” per far decadere le Rsu delle altre organizzazioni sindacali.

I risultati di questo modus operandi, secondo il sindacato di dei metalmeccanici Cisl, non sono neppure  efficaci. Marco Bentivogli, segretario nazionale Fim, in un comunicato usa come parametro di riferimento i vari successi ottenuti dal suo sindacato in vari stabilenti, come la AnsaldoBreda di Napoli o l’Alenia Aermacchi a Torino, la Komatsu a Padova e molti altri per dimostrare che la politica della Fiom alla fine non paga.

E.G.


09 Giugno 2014
Powered by Adon