L’Inas e la Filca-Cisl hanno sottoscritto un accordo pensato ad hoc per i tantissimi rumeni che in patria o in Italia lavorano nel settore edile. Siglato protocollo Inas-Filca per tutela ed assistenza

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
1516171819 2021
222324252627 28
2930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

EDILI RUMENI

Siglato protocollo Inas-Filca per tutela ed assistenza

Argomento: Cisl, Diritti, Edili

Correlati

Da oggi i lavoratori edili rumeni, sia quelli che lavorano in Romania che quelli emigrati in Italia, hanno un prezioso alleato in più, grazie ad un’azione sinergica dell’Inas e della Filca-Cisl nazionali. Nino Sorgi, presidente dell’Istituto nazionale di assistenza sociale della Cisl, e Domenico Pesenti, segretario generale del sindacato dell’edilizia, hanno infatti sottoscritto un accordo, pensato ad hoc per i tantissimi rumeni che in patria o in Italia lavorano nel settore edile. ”. L’intesa partirà da luglio in via sperimentale a Roma, dove è presente la più grande comunità rumena italiana.

La comunità rumena, la più numerosa in Italia, conta più di 1.100.000 persone. Ed il settore edile è tra quelli in cui i lavoratori rumeni sono maggiormente impiegati, con una percentuale superiore al 23%.

 “Con questa intesa, sottolinea  Domenico Pesenti, intendiamo lavorare insieme all’Inas su più fronti: combattere la discriminazione e lo sfruttamento nel mercato del lavoro, migliorare l’informazione, la consulenza e la tutela relativamente alla sicurezza sociale, garantire i diritti di questi lavoratori rispetto alle prestazioni erogate dalle Casse Edili. Per esempio abbiamo notizia di lavoratori rumeni, già residenti in Italia, che non hanno potuto percepire le prestazioni erogate dalle varie Casse edili, nonostante la prestazione stessa gli fosse stata riconosciuta”.

L’accordo, però, non si limita a tutelare i lavoratori edili rumeni in Italia, ma assiste anche i tanti che, per la crisi economica, sono rientrati in Romania. “Possiamo farlo, dichiara Nino Sorgi, perché l’Inas è presente in Romania da 4 anni con la propria sede di Bucarest e recapiti in città importanti come Craiova, Ploiesti e Potesti”.


19 Giugno 2014
Powered by Adon