Il Centro studi dell'associazione industriali rivede al ribasso le sue stime sulla crescita: nel 2014 il Pil avanzerà solo dello 0,2%, contro lo 0,7% precedentemente previsto. Cresce il ritardo rispetto agli altri paesi più colpiti dalla crisi. Ma Squinzi afferma: “L’Italia fuori dal baratro”. CSC: economia italiana ancora troppo debole

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718192021 22
23 2425262728 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CONFINDUSTRIA

CSC: economia italiana ancora troppo debole

Argomento: Economia

Correlati

Dal Centro Studi di Confindustria una nuova revisione, al ribasso, delle proprie stime relative alla crescita del Pil italiano: nel 2014 non andrà oltre il +0,2%, contro il +0,7% previsto a dicembre scorso, mentre nel 2015 la crescita si fermerà all'1%, contro il +1,2% precedentemente stimato. 

L’economia italiana risulterebbe così la peggiore tra quelle dei cosiddetti Pigs, i paesi economicamente più deboli dell'area euro.  Portogallo, Irlanda e Spagna, infatti, essendo cresciuti più dell'Italia nel periodo pre-crisi, sono arretrati meno durante la recessione e, il centro studi prevede che il loro recupero sarà più rapido nel 2014-15. 

”La salute dell'economia italiana rimane fragile", dice il centro studi di Confindustria. "Ci sono miglioramenti", evidenti in alcune aree, "ma la malattia della lenta crescita non è stata debellata e il paziente è debole e fatica a riprendersi e a reagire alle cure. Anzi, sono in atto emorragie di capitale umano e perdita di opportunità di business".

Inoltre il centro Studi della Confindustria prevede  che il tasso di disoccupazione italiano aumenterà al 12,6% nel 2014, rispetto al 12,2% del 2013, per poi tornare leggermente a calare nel 2015 al 12,5%.

Nonostante i dati del rapporto, comunque, il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, si lascia andare a un moderato ottimismo: “I numeri forse sono ancora difficili da accettare ma oggi le prospettive sono in miglioramento. L'Italia non è più sull'orlo del baratro”.


26 Giugno 2014
Powered by Adon