Annunciati 262 licenziamenti per i lavoratori del sito palermitano a rischio chiusura. Proclamato un pacchetto di 48 ore di sciopero. Appello dei sindacati alle istituzioni 48 ore di sciopero in vista dei licenziamenti

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
1516171819 2021
222324252627 28
2930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ACCENTURE OUTSOURCING S.R.L.

48 ore di sciopero in vista dei licenziamenti

Argomento: Cgil, Cisl, Ugl, Uil

In vista dei licenziamenti annunciati dallazienda globale di consulenza direzionale, servizi tecnologici e outsourcing, conseguenti alla decisione aziendale di chiudere il centro di via La Malfa, è partita la mobilitazione.

262 lavoratori di Accenture Outsourcing S.r.l hanno incrociato le braccia e, riunitisi in assemblea permanente con le segreterie provinciali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, e Ugl, hanno proclamato un pacchetto di 48 ore di sciopero, che avrà inizio venerdì 8 agosto con un presidio davanti alla presidenza della Regione.

In seguito al fallimento del tavolo nazionale triangolare tra British Telecom Italia, Accenture e le organizzazioni sindacali, le procedure di licenziamento collettivo e la chiusura del centro palermitano sono ormai alle porte. I sindacati lanciano un appello alle istituzioni.

"È impensabile – affermano le segreterie provinciali di Slc, Fistel, Uilcom e Ugl - che un sito produttivo come quello di Accenture Palermo rischi di chiudere non per mancanza di lavoro ma per le irresponsabilità manageriali di alcuni grandi multinazionali che gestiscono, tra l’altro, anche servizi per la Pubblica Amministrazione. Questo è ciò che sta accadendo ai lavoratori di Accenture, dipendenti prima di Bt Italia, che ha ceduto le attività e i lavoratori ad Accenture, e che adesso decide di rescindere anticipatamente il contratto, determinando la chiusura di tutto il centro palermitano".

All’assemblea permanente tenutasi stamattina sono intervenuti il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e l’assessore alle Attività Produttive del Comune, Giovanna Marano, Le istituzioni comunali hanno assicurato la loro piena disponibilità a ricercare soluzioni che mantengano il perimetro produttivo all’interno del territorio palermitano. "Il sindaco Orlando ha garantito tutto il suo impegno affinché realtà produttive come quelle di Accenture non siano oggetto di sciacallaggio imprenditoriale e auspica, invece, che da questa vertenza si possano creare opportunità concrete di rilancio per un settore che afferisce a servizi di cui Palermo e la Sicilia possano rendersi protagonisti innescando, così, processi di sviluppo occupazionale del territorio".

"Le Istituzioni locali – continuano le segreterie provinciali – non possono permettere che questo scempio avvenga, perché la vertenza dei lavoratori di Accenture è emblematica per tutto il settore delle telecomunicazioni".


04 Agosto 2014
Powered by Adon