Destinato alla chiusura oltre il 50% delle unità operative. Maruccia: "Sarà più difficile garantire la qualità del servizio" Cgil, l'Enel penalizza il Salento

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CRISI

Cgil, l'Enel penalizza il Salento

Argomento: Energia, Lavoro, Occupazione

La denuncia arriva dalla Filctem Cgil: il Salento è una delle aree geografiche maggiormente penalizzate rispetto alla media nazionale. Oltre il 50% delle unità operative nella regione e nel la zona di Maglie, infatti,  saranno chiuse

“Enel distribuzione -afferma Cosimo Maruccia, della Segreteria Provinciale Filctem Cgil Lecce, in seguito a un incontro tra l’azienda e i sindacati tenutosi a Bari nei giorni scorsi- ha deciso di chiudere l’unità operativa di Tricase assegnando territorio, clienti e linee all’unità operativa di Casarano; chiudere l’unità operativa di Galatina, assegnando tutto a Maglie, dove però si chiudela Zona, un’organizzazione di secondo livello con servizi specialistici”.

Tutto questo – secondo il sindacato - significherà gestire il servizio al limite delle capacità di intervento dei tecnici e degli operai dell’Enel Distribuzione, specie nei periodi in cui nel Salento si riverseranno centinaia di turisti. E non servono a nulla le rassicurazioni aziendali, secondo cui gli operai non si sposteranno dalle attuali sedi. Comunque gli stessi – per Maruccia - saranno costretti a operare su un territorio molto più vasto, con distanze tali da ritardare i tempi di intervento. E, inoltre, la scomparsa di unità operative preclude a nuove assunzioni che rappresentano una, seppur minima, risposta alla disoccupazione giovanile il cui dato percentuale nel nostro territorio supera ormai il 50%”.

L’Enel è un soggetto industriale “da cui non si può prescindere, in qualunque ipotesi di piano di sviluppo, anche perché – ricordala Cgil - , nella distribuzione, lavora in regime di monopolio”. Per i chimici Cgil ridurre la presenza nel territorio nelle sue articolazioni di base “è un’offesa al Salento che merita una risposta e una mobilitazione generale – conclude Maruccia - , dei lavoratori Enel e dei cittadini, che hanno però bisogno del supporto delle istituzioni locali e regionali per impedire a Enel di smarcarsi da un progetto comune di sviluppo del Salento”.


08 Settembre 2014
Powered by Adon