I sindacati territoriali Cgil, Cisl e Uil Abruzzo hanno chiesto alla Regione misure concrete per far ripartire l’economia regionale, dalla difesa dei posti di lavoro alla creazione di nuova occupazione Sindacati: è ora di condividere azioni chiare

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ABRUZZO

Sindacati: è ora di condividere azioni chiare

Argomento: Economia, Lavoro, Welfare

I dati diffusi dall’Istat sul II trimestre 2014  evidenziano un salto di qualità negativo nella crisi del lavoro in Abruzzo, che secondo i sindacati territoriali Cgil Cisl e Uil “si allontana dal processo di convergenza verso il centro Italia e si accrescono le differenze tra nord e sud del Paese in un contesto recessivo, deflattivo e di distruzione di posti di lavoro”.

“Il livello nazionale è decisivo per costruire una risposta alla crisi che metta al primo posto la difesa dei posti di lavoro, spiegano i sindacati in una nota congiunta, e la creazione di nuova occupazione, ma non è sufficiente, perché i dati del Mezzogiorno e dell’Abruzzo dimostrano che c’è anche una specificità territoriale negativa da affrontare, a livello nazionale e locale”.

“In Abruzzo, prosegue la nota, è urgente definire strategie, priorità e relative modalità operative per reagire a processi che non fanno intravedere alcuna spontanea inversione di tendenza”.

Per i sindacati, è necessaria la condivisione di un programma di azioni chiare negli obiettivi e nei tempi di realizzazione “e modalità efficaci di confronto e decisione tra la Regione e le organizzazioni rappresentative del lavoro e dell’impresa”.

Cgil, Cisl e Uil Abruzzo hanno inoltre richiesto incontri ai componenti della Giunta Regionale sui seguenti temi:

ricostruzione post-sisma; applicazione della Legge regionale 40/2012; istituzione dell’unità di crisi e politica industriale regionale (Vice-Presidente Giovanni Lolli);

legge urbanistica regionale; lavori pubblici nei territori comunali; riorganizzazione dell’edilizia pubblica e popolare (Assessore Donato Di Matteo);

Servizio Idrico Integrato; politiche di smaltimento dei rifiuti; lo stato della riorganizzazione delle Unioni dei Comuni (Assessore Mario Mazzocca);

Servizio Sanitario Regionale; politiche di Bilancio e politica fiscale; pubblica amministrazione regionale (Assessore Silvio Paolucci);

costruzione delle premesse per un Piano regionale Socio-Sanitario (Assessori Silvio Paolucci e Marinella Sclocco);

programmazione 2014-2020 in agricoltura (Assessore Dino Pepe);

ammortizzatori in deroga e copertura dell’effettivo fabbisogno finanziario per il 2014; Garanzia Giovani; politiche attive del lavoro (Assessore Marinella Sclocco).


11 Settembre 2014
Powered by Adon