Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 23 45
6789101112
131415161718 19
2021 22232425 26
27 2829 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CGIL

''Una svolta per tutte'', al via la campagna per la legalita'

Argomento: Legalità

 "Se si vuole cambiare il Paese la legalità è la precondizione. Se si agisse sul terreno dell'evasione fiscale e della corruzione si potrebbero trovare le risorse necessarie per gli investimenti e il lavoro". Queste le parole del segretario generale della Cgil Susanna Camusso, che questa mattina, con la segretaria confederale Gianna Fracassi, ha presentato una nuova campagna del sindacato di corso d'Italia: 'Legalità, una svolta per tutte'. Una campagna strettamente collegata a quella per il lavoro, "priorità assoluta per il Paese", perchè l'illegalità "costituisce una zavorra per lo sviluppo e per il futuro: la corruzione costa 60 miliardi di euro l'anno, l'evasione 135, e il fatturato complessivo delle mafie è vicino ai 200 miliardi", come ha sostenuto Fracassi. Una 'torta' di circa 400 miliardi che se immessi nel circuito legale per la Cgil rappresenterebbero un determinante volano per l'economia. Come si legge nelle immagini che caratterizzano la campagna, infatti, “la legalità è un'urgenza, un valore capace di risollevare le sorti di un Paese compromesso, la soluzione nella lotta al malcostume. La legalità è una garanzia che non vuole promesse disattese, l'unica certezza capace di cambiare davvero le cose”.

"È arrivato il momento di passare dalle promesse ai fatti - ha affermato Camusso - perchè da lungo tempo si annunciano provvedimenti in materia, che puntualmente si trasformano in interventi monchi, basti pensare al falso in bilancio all'auto-riciclaggio". Per questo, a due anni dalla passata campagna sui temi della legalità economica, la Cgil rilancia il suo impegno su questo fronte, mettendo in campo due ordini di iniziative. Da un lato una serie di appuntamenti di carattere nazionale incentrati sulle macro-aree di intervento su cui si focalizzano le proposte della confederazione: regolamentazione del sistema degli appalti e misure contro la corruzione, lotta alla criminalità organizzata e contrasto dell'evasione. Dall'altro lato l'avvio di un vero e proprio 'Viaggio della legalità', che partirà il prossimo 27 ottobre da Milano per poi attraversare l'intera penisola.

Nel 2011 la confederazione di corso d'Italia promosse la 'Campagna per la legalità economica', fondata sull'avvio di una stagione di contrattazione in cui la legalità veniva assunta come dimensione qualitativa del lavoro e dello sviluppo. Le iniziative lanciate oggi, ha detto Fracassi, "costituiscono la naturale prosecuzione di quel percorso: passiamo da una fase di definizione degli obiettivi e di raccolta di esperienze ad una in cui chiediamo risposte urgenti". Un percorso che lungo la sua strada ha portato alla raccolta di oltre 120 mila firme per una proposta di legge di iniziativa popolare per l'emersione alla legalità e la tutela dei lavoratori delle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata, promossa dal comitato "Io riattivo il lavoro", costituito dalla Cgil e da un vasto fronte di associazioni. "Proposta il cui testo proprio in queste ore - ha sottolineato la segretaria confederale - è stato depositato in Commissione Giustizia alla Camera".

Le ragioni che hanno portato ad avviare queste battaglie permangono, motivo per cui la Cgil promuove la nuova campagna “Legalità: una svolta per tutte”, che nei prossimi mesi porterà all'organizzazione di varie iniziative tematiche di presentazione delle proposte della confederazione e ad un 'Viaggio della legalità'. Un camper attraverserà l'intero Paese, toccando diversi e significativi luoghi. Si partirà il 27 ottobre da Milano, città di Expo 2015, per arrivare fino a Palermo e, a dicembre, a Roma per la tappa conclusiva. "Un viaggio - hanno spiegato Camusso e Fracassi - per raccogliere racconti, ricordi e storie, fatti ed esperienze di vita concrete, e  testimoniare il rapporto vitale e indissolubile tra legalità e lavoro”.

11 Settembre 2014
Powered by Adon