Rispetto alle precedenti previsioni il Pil 2013 aumenta dello 0,9%. Migliorano anche pressione fiscale, rapporto deficit/Pil e quello debito/Pil Istat, con nuovo sistema calcolo, Pil 2013 rivisto al rialzo del + 3,8%

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
15161718 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Istat, con nuovo sistema calcolo, Pil 2013 rivisto al rialzo del + 3,8%


Correlati
Allegati
Istat - Conti economici nazionali

Cliccare per aprire il file

L'Istat ha rivisto al rialzo del 3,8%, rispetto ai dati diffusi a marzo, il Pil nominale del 2013, adottando il nuovo Sistema europeo dei conti nazionali e regionali (Sec 2010).  Il Pil 2013, quindi, aumenta di quasi 59 miliardi di euro (+ 0,9% rispetto alle precedenti previsioni), mentre il Pil a prezzi di mercato, per effetto di questa revisione straordinaria, è aumentato di 58.880 milioni di euro, con un tasso di rivalutazione del 3,8%.

Ma i tassi di variazione del Pil per gli anni recenti hanno subito, spiega l'Istat, revisioni molto contenute. In particolare, il tasso di variazione del Pil in volume del 2013 è risultato identico a quello stimato a marzo2014, in calo dell’1.9% rispetto al 2012. e nel 2013 il Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.618.904 milioni di euro correnti, con una riduzione dello 0,6% rispetto all'anno precedente. Questa diminuzione del Pil nel 2013 è stata accompagnata da un calo del 2,7% delle importazioni di beni e servizi, che ha accentuato la contrazione delle risorse disponibili, risultata pari a -2,1%. Dal lato degli impieghi si registrano flessioni sia dei consumi finali nazionali (-2,3%), sia degli investimenti fissi lordi (-5,4%).

Un contributo positivo alla variazione del Pil (+0,9 punti percentuali) è venuto dalla domanda estera netta, mentre è risultato ampiamente negativo l'apporto della domanda nazionale (-2,9 punti percentuali) e nullo quello della variazione delle scorte.
Il deflatore del Pil è aumentato dell'1,4%, il deflatore della spesa delle famiglie residenti dell'1,2% e quello dei consumi interni dell'1,3%; l'incremento del deflatore degli investimenti fissi lordi è stato dello 0,5%. La ragione di scambio con l'estero nel 2013 è migliorata significativamente, per effetto di una diminuzione dell'1,8% del deflatore delle importazioni di beni e servizi e dello 0,1% di quello delle esportazioni. 

La spesa per consumi delle famiglie italiane, nel 2013, è scesa del 2,8%, dopo una contrazione del 4% registrata nell'anno precedente. Il calo dei consumi è stato particolarmente marcato per i beni (-4,2%), mentre la spesa per i servizi è diminuita dell'1,3%. In termini di funzioni di consumo, le contrazioni più rilevanti hanno riguardato la spesa per sanità (-5,3%) e quella per vestiario e calzature (-5,2%).

La spesa delle Amministrazioni pubbliche e quella delle Istituzioni sociali private (Isp) hanno registrato entrambe una diminuzione in volume dello 0,7%.

Gli investimenti fissi lordi hanno segnato una marcata flessione in volume (-5,4%), dopo quella che aveva già caratterizzato il 2012 (-7,4%). Il calo ha riguardato gli investimenti in costruzioni (-6,8%) e quelli in macchine e attrezzature (-6,9%), mentre per gli investimenti in mezzi di trasporto si registra un aumento del 4,2%.
Le esportazioni di beni e servizi sono aumentate in volume dello 0,6%, mentre le importazioni sono scese del 2,7%.

Dai dati Istat risulta in miglioramento anche il rapporto deficit/Pil del nostro paese nel 2013. L'Istat ha infatti comunicato che con i nuovi principi contabili Sec, il rapporto deficit/Pil dello scorso anno si è attestato al 2,8% rispetto al 3% della precedente rilevazione. L'avanzo primario (indebitamento netto meno la spesa per interessi) espresso in rapporto al Pil risulta ora del 2%, con una revisione al ribasso di 0,2 punti percentuali rispetto alla stima in vecchio Sec.

Sale anche il livello del Pil per gli anni 2011 e 2012: di 58.911 milioni di euro per il 2011 e di 61.092 per il 2012, con tassi di rivalutazione rispettivamente del 3,7% e del 3,9%.

Dal lato delle componenti della domanda, la revisione verso l'alto ha riguardato sia i consumi finali, sia gli investimenti fissi lordi, mentre entrambe le componenti dell'interscambio con l'estero sono state riviste verso il basso.

I nuovi principi contabili europei portano un pò di "sollievo" anche per le tasche degli italiani. L'Istat rileva infatti che adottando il Sec, la pressione fiscale, nello scorso anno, si è attestata al 43,3% del Pil, in miglioramento di 0,5 punti percentuali rispetto alla rilevazione con i vecchi principi contabili.

Migliora il livello di debito in rapporto al Pil. Per il 2013, con i nuovi principi contabili europei, rende noto l'Istat, il debito per lo scorso anno si colloca al 127,9% del Pil, rispetto al 132,6% registrato a marzo.

L'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al -2,8%, in diminuzione rispetto a quanto registrato nel2012. In valore assoluto l'indebitamento è di -45.358 milioni di euro, in calo di 3.260 milioni rispetto a quello dell'anno precedente. Il saldo primario (indebitamento netto al netto della spesa per interessi) è risultato positivo e pari a 32.843 milioni di euro, con un'incidenza sul Pil del 2% (nel 2012 era pari al 2,2%).

Il saldo di parte corrente (risparmio o disavanzo delle Amministrazioni pubbliche) è stato positivo e pari a 2.661 milioni di euro, a fronte dei 9.993 milioni del 2012. Tale peggioramento è il risultato di una diminuzione delle entrate correnti di circa 2,9 miliardi di euro e di aumento delle uscite correnti pari a circa 4,5 miliardi di euro.


22 Settembre 2014
Powered by Adon