Prosegue la mobilitazione dei lavoratori ternani in difesa delle acciaierie e contro il piano di ThyssenKrupp che prevede oltre 550 licenziamenti. Lunedì, martedì e giovedì scioperi in fabbrica, poi venerdì l'astensione generale di tutta la provincia La mobilitazione non si arresta, si apre un'altra settimana di scioperi

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
1516171819 2021
222324252627 28
2930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

AST

La mobilitazione non si arresta, si apre un'altra settimana di scioperi

Argomento: Sciopero, Sindacato

Oggi inizia una nuova settimana di mobilitazione intensa, a Terni, in difesa degli oltre 550 lavoratori a rischio licenziamento del sito umbro degli Acciai Speciali Terni. In programma ancora scioperi articolati per tutti i lavoratori dell'Ast di Terni e delle ditte esterne, contro i 537 licenziamenti annunciati. 

Le rsu di gruppo hanno infatti stilato un calendario di astensioni dal lavoro che prevede per lunedì, martedì, giovedì e sabato, una giornata di blocco dell'attività a turno per tutti i reparti dell'acciaieria, consociate e ditte terze, in base a un calendario prestabilito. 

Mercoledì lo sciopero sarà sospeso, ma verranno organizzati un presidio e volantinaggio in tutta la città. Venerdì rimane invece convocato lo sciopero generale indetto dalle segreterie provinciali di Cgil Cisl e Uil e dei sindacati metalmeccanici Fiom, Fim, Uilm, Fismic e Ugl, al quale hanno aderito anche Cgil, Cisl e Uil regionali.

Per tutta la settimana i lavoratori in sciopero e fuori turno garantiranno inoltre il presidio permanente in viale Brin per continuare a dare visibilità alla vertenza.  

Tramite una nota congiunta, infine, anche i sindacati umbri del pubblico impiego, Fp-Cgil, Fp-Cisl e Uil-Fpl, esprimono solidarietà per i lavoratori dell'Ast: "A Terni saremo presenti (seppure impossibilitati a fare sciopero per le normative attuali che regolano i servizi pubblici) a fianco dei lavoratori dell'Ast il 17 ottobre per dire basta alla riduzione dei diritti e delle tutele, per dire basta all'espropriazione del lavoro, per chiedere una vera riforma della pubblica amministrazione che garantisca servizi di qualità ai cittadini e alle cittadine di questa regione e dell’Italia".

F.P.


13 Ottobre 2014
Powered by Adon