Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234 5
6 7 891011 12
1314 15 16 17 18 19
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ANTONIO MERLONI

Licenziamento di massa, scaduta cig per 700 lavoratori umbri


Correlati

"Il licenziamento di massa più numeroso dal dopoguerra accaduto nell'Italia centrale". Definisce con queste parole, Alessandro Piergentili, responsabile dell'Alta Umbria per la Cgil provinciale di Perugia, la fine della cassa integrazione per i 700 dipendenti), del solo versante umbro, della Antonio Merloni non transitati nella JP Industries, che sono stati licenziati e sono stati collocati in mobilità in data 12 ottobre 2014. 

"Oltre all'impegno per garantire l'assistenza necessaria per accedere agli interventi previsti: mobilità, liquidazione del Tfr, etc. - prosegue Piergentili - riconfermiamo come Cgil e come movimento sindacale unitario l'impegno nei confronti dei lavoratori e lavoratrici che hanno perso il lavoro per chiedere la creazione di nuove opportunità lavorative. Quanto accaduto è di una drammaticità enorme per le persone coinvolte e per l'intera comunità di questa parte dell'Umbria, che subisce una ferita i cui dolori e conseguenze saranno pesanti e brucianti nel tempo. E' questa la vera emergenza che sta vivendo il nostro Paese e l'Umbria in modo particolare, la perdita del lavoro, altro che maggiore libertà di licenziamento come, sostiene il Governo". 

"Dal Governo - continua Piergentili - aspettavamo la convocazione di un incontro per rendere operativo l’Accordo di programma, in modo da rendere attrattivo il territorio per progetti industriali ed occupazionali che potevano riassorbire l'emoragia occupazionale, ma così non è stato. E’ necessario che si intensifichi anche con forme diverse la mobilitazione per chiedere ai Sindaci, alla Regione, al Governo, alle associazioni degli imprenditori ad iniziare dalla Associazione degli industriali, atti ed iniziative concrete per costruire insieme progetti nel territorio che possano dare delle soluzioni lavorative". 

"E' necessario cambiare l'agenda politica del Governo, e delle foze politiche - conclude Piergentili - chiedendo di metter al primo punto la creazione di lavoro, ed anche per questo che è stata indetta la manifestazione del 25 ottobre a Roma. Per riproporre con forza la drammaticità che sta vivendo, per la crisi di settori fondamentali, l’intera Umbria da Terni alla fascia Appeninica e la necessita che la vertenza Umbria venga sostenuta da una forte mobilitazioni dei lavoratori e lavoratrici ed un impegno serio daparte delle istituzioni e del sistema politico". 

F.P.


13 Ottobre 2014
Powered by Adon