L'associazione plaude al ddl approvato al senato, e promette: ''Coloro che macchiano l'immagine della cooperazione per noi non hanno futuro, saranno esclusi dall'organizzazione" Linea dura di Alleanza Coop, ''cacceremo i corrotti''

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718192021 22
23 2425262728 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CORRUZIONE

Linea dura di Alleanza Coop, ''cacceremo i corrotti''

Argomento: Cooperative

Linea dura di Alleanza cooperative verso i corrotti che macchiano l'integrita' del settore. Con una nota, l'associazione che raduna le coop bianche e rosse plaude al ddl anticorruzione approvato ieri al senato e avverte che non intende fare sconti: ''chi ha sbagliato paghi, ben vengano le inchieste della magistratura. Questi presunti imprenditori che operano sul mercato corrompendo chi dovrebbe controllarli non li vogliamo''.

 «Bene l’insistenza sulla lotta alla corruzione e l’inasprimento delle pene, prosegue la nota, sottolineando che "Anche le imprese sono chiamate a fare uno scatto in avanti. L’Alleanza delle Cooperative ha siglato il Patto sulla legalità con il ministero dell’Interno. Siamo per il ripristino della legalità a prescindere da chi la vìoli e per questa ragione ben vengano le indagini della magistratura e delle forze dell'ordine su tutti i campi. In questo momento la cooperazione sana di questo Paese, che è la prevalenza, sta attraversando un percorso ad ostacoli che incrocia i nemici più vituperati quali burocrazia, fisco e concorrenza sleale praticata dalle false cooperative e subisce poi un male tutto italiano che affonda le sue radici nel rapporto patologico tra impresa e politica: la corruzione». 

 E ancora: «Un contesto dove il controllore pubblico smette le vesti di arbitro e agisce in modo da falsare le regole del mercato per vendersi a chi delinque non ha nulla a che fare con l'impresa cooperativa. Questi presunti imprenditori che operano sul mercato corrompendo chi dovrebbe controllarli non li vogliamo». 

 «I cooperatori che macchiano l'immagine della cooperazione per noi non hanno futuro e saranno esclusi dall'organizzazione. Chi vìola la legge, chiunque esso sia, deve essere punito perché commette un crimine, perché mette fuori mercato i tanti imprenditori e i tanti cooperatori che resistono con fatica, con coraggio, con sacrificio e nel rispetto di tutte le regole. Noi rappresentiamo questi imprenditori, questi cooperatori. Noi rappresentiamo cooperatrici e cooperatori veri, siamo la cooperazione vera e autentica, l'economia reale di questo paese che mantiene i livelli occupazionali anche nei momenti di crisi, che non delocalizza la produzione, che salvaguarda le produzioni locali e ha il rispetto dei contratti di lavoro e delle regole di mercato».


02 Aprile 2015
Powered by Adon