Il presidente Gardini replica al procuratore di Roma: le coop non sono un’anomalia italiana, occorre rispettare loro funzione costituzionale e assicurare alla giustizia chi sbaglia. Confcooperative a Pignatone, “no ai processi sommari, coop non e’ malaffare’’

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 1213 1415 16
17181920 212223
2425262728 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

MAFIA CAPITALE

Confcooperative a Pignatone, “no ai processi sommari, coop non e’ malaffare’’


Correlati

“Siamo i primi a chiedere di punire severamente chi sbaglia e di fare pulizia, perché chi commette reati danneggia profondamente nell’immagine la vera ed autentica cooperazione, ma diciamo no ai processi sommari. Noi non ci stiamo all’abbinamento cooperativa = privilegio e malaffare”.

Cosi’ Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative, replica al procuratore di Roma Giuseppe Pignatone, che oggi, nel corso di una audizione in commissione antimafia, aveva chiesto di riflettere sul ruolo delle coop, in particolare sulle ‘’facilitazioni’’ di cui gode il sistema. Gardini sottolinea che  in Italia la cooperazione dà lavoro a 1.300.000 persone, mentre sono oltre 12.000.000 i soci: dunque, “una decina di cooperative non può essere presa a modello per demolire e danneggiare tutte le altre”.

Quanto alle facilitazioni fiscali, il presidente ricorda al magistrato che le cooperative non sono un’anomalia italiana: “ in Europa, negli Usa e in Asia è previsto un trattamento fiscale diversificato che impone, però, alle cooperative oneri che non gravano su nessun altro modello d’impresa sia in Italia sia negli altri paesi del mondo”. Fermo restando, ovviamente, che “chi sbaglia e delinque deve andare in galera, chiunque esso sia ,cooperatore o imprenditore che corrompe, dirigente pubblico o politico che si fa comprare”. 


01 Luglio 2015
Powered by Adon