Il leader della Cisl, intervenendo all'attivo unitario dei delegati sindacali, dichiara di essere "stufa" sulla continua contrapposizione tra primo e secondo livello di contrattazione. "Per fare la contrattazione - ha detto - bisogna mettersi in testa di farla davvero.” Furlan, assurdo attacco al contratto nazionale

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8910111213 14
151617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

RELAZIONI INDUSTRIALI

Furlan, assurdo attacco al contratto nazionale


Correlati

Contro il contratto nazionale "è in atto un assurdo attacco". È quanto ha affermato il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, intervenendo all'attivo unitario dei delegati sindacali convocato sulla contrattazione. "Il contratto nazionale - ha proseguito - ha una funzione fondamentale. Nessuno deve spiegarci l'importanza della contrattazione di livello, che vogliamo rafforzare. Ma oggi soltanto il 20% delle imprese la fa. Questo lo vogliamo ricordare ai datori di lavoro e alle loro associazioni, che dunque devono predicare di meno e applicare di più la contrattazione di secondo livello. Ma il contratto nazionale deve restare la fonte primaria dei rapporti di lavoro perché vogliamo che i diritti e i minimi contrattuali siano definiti con la contrattazione".

Secondo Furlan la contrattazione "è il presupposto per la crescita e l'occupazione e significa anche maggiore democrazia". Il numero uno della Cisl ha inoltre ricordato che in attesa di rinnovo contrattuale ci sono 12 milioni di lavoratori pubblici e privati. "Vediamo scarsa attenzione dalle parti datoriali e anche dalla politica sulla centralità del contratto nazionale - ha inoltre dichiarato - è poi una cosa assurda la contrapposizione tra il primo e il secondo livello. Noi abbiamo bisogno del contratto nazionale come riferimento per i diritti e le retribuzioni di tutti i lavoratori. I rinnovi sono importanti per la ripresa dei consumi".

Ribadendo che il contratto nazionale "è il presupposto per la crescita e l'occupazione", e che "deve restare pertanto una fonte primaria dei rapporti di lavoro", Furlan ha aggiunto che "senza contrattazione non si va da nessuna parte".

Il leader della Cisl si è inoltre detta "stufa" su questa continua contrapposizione tra primo e secondo livello di contrattazione. "Per fare la contrattazione - ha detto - bisogna mettersi in testa di farla davvero. Intanto bisogna chiudere al più presto i contratti di categoria. Questa è una esigenza primaria. Bisogna andare avanti verso una conclusione positiva dei tavoli aperti e inoltre andare a una stretta del tavolo interconfederale sulle nuove relazioni industriali".

Riferendosi alla vertenza nel pubblico impiego, Furlan ha sottolineato che "sette anni senza contratto hanno impedito la riorganizzazione, l'ammodernamento e le prospettive per il futuro della Pubblica amministrazione. Bisogna sbloccare questa situazione". Furlan ha infine affermato che per ora basta lanciare un appello a Governo e associazioni delle imprese affinché vengano rinnovati i contratti, anche perché "in questi mesi abbiamo visto tante azioni di sciopero e mobilitazione. La nostra è una richiesta perché riteniamo sia un dovere del Governo, il peggiore datore di lavoro da sette anni a questa parte, rinnovare i contratti pubblici. Ed è una responsabilità delle associazioni datoriali fare altrettanto nel privato".


12 Luglio 2016
Powered by Adon