Nuovo incontro per il rinnovo del contratto. I sindacati intravvedono la possibilità di condurre in porto la vertenza: "ci sono gli spazi per concludere in tempi stretti''. Fissati altri quattro appuntamenti entro fine ottobre. E per il 2/11 convocato il comitato centrale Fiom. Federmeccanica-sindacati, parte il vero confronto, contratto a novembre?

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
1516171819 2021
222324252627 28
2930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

METALMECCANICI

Federmeccanica-sindacati, parte il vero confronto, contratto a novembre?

Argomento: Metalmeccanici

E’ ripreso oggi, in Confindustria, il negoziato  per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici. Un appuntamento che ha avuto al centro l’esame della nuova proposta di adeguamento delle retribuzioni di tutti i lavoratori, presentata da Federmeccanica-Assistal a Fim, Fiom e Uilm nel corso del precedente incontro del 28 settembre scorso, ma che sopratutto segna il vero inizio del confronto: dopo quasi un anno di ''melina'', adesso si intravvede la possibilita' di concludere in tempi ragionevoli. Probabilmente entro il mese di novembre.

Infatti, anche se i sindacati sottolineano che la proposta delle imprese rappresenta una svolta significativa ma ancora non del tutto soddisfacente, riconoscono, tutti, che c'e' comunque la possibilita’ di proseguire la trattativa. E la stessa Federmeccanica, dopo aver ascoltato le posizioni (e quindi anche le richieste e i dubbi) di tutte le organizzazioni sindacali, si e' detta d'accordo nel definire un calendario stringente di nuovi appuntamenti: il 14 e il 26 ottobre si terranno due incontrtecnici tra gli uffici sindacali di Fim, Fiom, Uilm e Federmeccanica, mentre il 20 e il 27 ottobre si terranno le ''ristrette'' tra le segreterie nazionali dei tre sindacati e la delegazione degli industriali. Al termine di questi incontri, infine, si verificheranno le condizioni per fissare una ''plenaria'' a partire dai primi di novembre. Vale la pena di aggiungere che per il 2 novembre la Fiom ha convocato il proprio comitato centrale, per fare il punto sul negoziato e dare una valutazione sulla trattativa. Passaggio preliminare per l' eventuale stretta finale e la firma del contratto.

I punti sui quali ancora non c’e’ l’accordo riguardano sopratutto l’adeguamento salariale. In un periodo di bassa inflazione, osserva Marco Bentivogli, della Fim Cisl, e’ importante  non far perdere denaro ai lavoratori, tutelando il potere d’acquisto dei loro salari. Quindi, no netto alla proposta di ‘’decalage’’ avanzata da Federmeccanica,  possibile invece “il recupero posticipato, a patto che ci sia il recupero con una tantum dei periodi scoperti, per evitare che si determinino perdite per il lavoratore”.

“La  proposta delle imprese è ancora insufficiente- afferma  Bentivogli – e in particolare l’idea di non  riconoscere il 100% dell’inflazione è per noi un punto non accettabile”. Quanto ai  “Flexible Benefits” proposti dalle imprese come integrazione salariale, “sono positivi per i benefici netti che portano, ma è indispensabile gestire una negoziazione nazionale e territoriale per renderle più efficace questo strumento”. Infine, sottolinea il leader Fim Cisl,  “L’assorbibilità non può riguardare il salario aziendale già contrattato” e anche  l’ipotesi di durata del Ccnl che viene proposta per un periodo di 4 anni, “è utile che venga rivista e ridotta”.

Tuttavia, conferma il sindacalista, “ci sono gli spazi per iniziare una nuova e conclusiva fase della trattativa. Oggi –conclude- dobbiamo dare tutti insieme un segno inequivocabile che la trattativa è ad una svolta, che cambia il passo e si iniziano a raccogliere tutti gli elementi per poter avviare la fase conclusiva”.

Di apertura anche i primi commenti della Fiom. Secondo le tute blu della Cgil,  il contratto deve confermare due distinti livelli di contrattazione -nazionale e aziendale/territoriale -e prevedere la tutela del potere d'acquisto del salario. A questo proposito, Maurizio Landini ha sottolineato che "pur con meccanismi o forme sulle quali possiamo discutere per individuare soluzioni condivise, si deve realizzare il pieno riconoscimento dell'inflazione, la definizione del valore punto e non prevedere assorbimenti né per gli scatti di anzianità né per quanto già liberamente contrattato dalle parti a livello aziendale".
Inoltre, per la Fiom ''e' condiviso, e considerato positivo", definire nel contratto sia ulteriori risorse per la previdenza complementare che una sanità integrativa e nuove forme di welfare per tutti i metalmeccanici: "sono elementi di novità nel contratto che vanno definiti con regole condivise e trasparenza nella partecipazione".Positive anche le misure sulla formazione, mentre sull'inquadramento si ritiene necessario  "individuare terreni di sperimentazione da applicare già nell'ambito di questo rinnovo contrattuale". E ancora la Fiom riconosce che Federmeccanica, "pur confermando le proprie posizioni del 28 settembre", ''si e' resa disponibile a fissare un calendario di incontri per verificare in tempi stretti la possibilità di giungere ad un'intesa unitaria". Insomma, stavolta la trattativa e' partita sul serio.
N.P.

 

 

 


12 Ottobre 2016
Powered by Adon