Dettori e Lattuada commentano la sentenza che condanna l’ex governatore a 6 anni per lo scandalo Maugeri. Cgil, con la condanna di Formigoni si chiude pagina triste per sanità lombarda

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SANITA'

Cgil, con la condanna di Formigoni si chiude pagina triste per sanità lombarda

Argomento: Cgil, Sanità

 

 “Con la condanna a sei anni e l’interdizione dai pubblici uffici all’ex Governatore della Lombardia Roberto Formigoni, si chiude una triste pagina di storia della sanità lombarda e non solo”. Così la Cgil commenta, con una dichiarazione congiunta di Rossana Dettori, della segreteria nazionale e di Elena Lattuada, segretario generale della Lombardia, la notizia relativa all’inchiesta Maugeri.

Dal processo e dalla sentenza, affermano le due sindacaliste, “traspare come per anni un intero sistema si sia basato su una visione quantomeno 'distorta' nella gestione delle risorse destinate alla sanità e al welfare della Lombardia. Abbiamo sempre sostenuto come la tanto decantata eccellenza della sanità lombarda fosse da attribuire, in particolare, al lavoro onesto delle tante e dei tanti operatori sanitari, più che da un sistema di regole legislative”.

“Risorse pubbliche in quegli anni venivano distolte dal sistema e destinate, attraverso meccanismi deliberativi, a svariate strutture sanitarie, di fatto alterando e controllando il sistema di risposta ai bisogni dei cittadini –sottolineano le due sindacaliste- Ripensare a quegli anni a quelle storture ci può ora aiutare, rafforzando l'idea che bisogna ripartire dal territorio e da una buona politica per garantire  un sistema sociale e sanitario pubblico e universale”.

Per Dettori e Lattuada “le politiche della 'libertà di scelta del cittadino, degli accreditamenti, del depauperamento lento e costante del sistema pubblico, della scarsa prevenzione nel territorio a favore dell’incontrollata ospedalizzazione, hanno favorito il modello culturale di una sanità aperta al mercato, senza regole e, purtroppo, in alcuni casi 'disponibile' e permeabile al malaffare”

“Per queste ragioni - spiegano - abbiamo sempre sostenuto con forza e coerenza la necessità di guardare a sistemi sanitari e di welfare, in cui il governo della domanda e dell’offerta fosse necessariamente in capo alle Istituzioni Sanitarie Pubbliche, con il controllo di una buona politica e delle istituzioni”.

 


22 Dicembre 2016
Powered by Adon