Sindacalisti soddisfatti per il ruolo della Regione nella vertenza sul call center romano e i licenziamenti, ma avvertono: pesa il no della Cgil nella riunione del 22 dicembre. Cisl Roma-Lazio, bene impegno Zingaretti su Almaviva

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CALL CENTER

Cisl Roma-Lazio, bene impegno Zingaretti su Almaviva


Correlati

"Esprimiamo soddisfazione per l'impegno che il Presidente della Regione Lazio ha preso per cercare di riaprire la vertenza Almaviva. Siamo consapevoli, però, che le sole politiche attive del lavoro non bastano. Ma allo stesso tempo sappiamo che il 22 dicembre la sede di Roma non ha firmato l'accordo dando così il via libera alla chiusura e al conseguente licenziamento dei 1667 lavoratori, mentre i lavoratori della sede di Napoli dicevano si alla proroga dei tre mesi nella speranza di trovare una soluzione alternativa alla chiusura". Così in una nota i Segretari Generali della Cisl del Lazio, della Cisl di Roma Capitale Rieti, della Fistel Cisl Roma e Lazio, Andrea Cuccello, Paolo Terrinoni e Alessandro Faraoni.

"Era la stessa cosa che si chiedeva ai lavoratori romani - dicono - per riaprire il dialogo con l'azienda e trovare soluzioni. Ma non è stato possibile. E questo rende complessa la situazione".

"Tra le soluzioni - dice il sindacato - è possibile esercitare pressione sull'azienda attraverso l'impugnazione dell'atto di licenziamento dei 1667 lavoratori che potrebbe generare un contenzioso senza precedenti. La Cisl propone di creare le condizioni affinché si possano attrarre nuovi investimenti su Roma. Pensiamo ad Amazon, Zte, e di ragionare sull'applicazione delle Clausole Sociali per la commessa Inps, considerando che una parte importante del personale Almaviva potrebbe essere riassorbita. In ogni caso ,non possiamo far finta che il 22 dicembre non sia successo nulla. E questo si, ci rende, nei confronti del governo e dell'azienda, tutti più deboli".


17 Gennaio 2017
Powered by Adon