Il presidente della commissione Lavoro di Montecitorio sollecita il governo ad agire: ''i problemi dell'occupazione devono avere la priorita''. Damiano, e' emergenza, va affrontata a partire dalle crisi

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
1516171819 2021
22 2324 25 26 27 28
29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Damiano, e' emergenza, va affrontata a partire dalle crisi

Argomento: Lavoro

"C'è una emergenza lavoro che va affrontata: esistono centinaia di situazioni di crisi, ultime delle quali Almaviva, Alitalia, Sky e Carrefour che si aggiungono alla lunga lista esistente. I problemi occupazionali hanno una priorità assoluta e il Governo li deve affrontare prima di pensare se si vota ad aprile o a giugno. In Parlamento sono in discussione proposte di legge che riguardano la povertà, il lavoro autonomo e i voucher, e si potrebbe affrontare anche il tema della responsabilità solidale negli appalti". Cosi' Cesare Damiano, presidente dell Commissione Lavoro, nel corso del convegno sul' 'Emergenza Lavoro', organizzato dal PD con il ministro Poletti, i sindacati e Confindustria.

Per fare tutto questo, insiste Damiano, ci vuole "il tempo giusto e non la incomprensibile fretta delle elezioni e un grande impegno di Governo, Parlamento e parti sociali. Sui voucher abbiamo apprezzato il fatto che il ministro Poletti abbia annunciato l'intenzione di correggere la legge per tornare al lavoro occasionale e accessorio. Si tratta dello stesso obiettivo contenuto in 4 proposte di legge attualmente in discussione alla Commissione lavoro della Camera".

 "Ci auguriamo che il governo - rimarca  - voglia partire da queste proposte per arrivare a una soluzione che cancelli gli abusi, riconduca i voucher a quei lavori veramente occasionali che altrimenti, diventerebbero lavoro nero: parliamo del taglio dell'erba del giardino, della cura familiare di bambini e anziani e delle ripetizioni private. Non parliamo, quindi, di qualsiasi lavoro da svolgere con i voucher magari mettendo un tetto del 5% al loro utilizzo in rapporto ai contratti a tempo indeterminato esistenti nelle aziende: significherebbe istituzionalizzarli anziché renderli occasionali".

30 Gennaio 2017
Powered by Adon