Il presidente dell’Inps Tito Boeri sottolinea la necessità di uniformare le fasce di reperibilità, tra pubblico e privato, durante i giorni di malattia Boeri, sette ore di reperibilità per tutti nei giorni di malattia

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718192021 22
23 2425262728 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Boeri, sette ore di reperibilità per tutti nei giorni di malattia

Argomento: Lavoro

Correlati

“Le fasce di reperibilità in casa nei giorni di malattia dovrebbero essere uguali per pubblico e privato ed essere almeno di sette ore per tutti”. È questo il commento del Presidente dell’Inps, Tito Boeri, a margine di un convegno alla Camera. Al momento, la fasce di reperibilità sono d 4 ore per i privati e di 7 per i pubblici, una differenza che appare “priva di senso”.

Una disparità che deve essere armonizzata, secondo il Presidente dell’Inps, in modo da “permettere di svolgere i controlli in modo efficiente, di ridurre le spese e di gestire al meglio i medici. Se una persona è malata - ha aggiunto - starà a casa o in una struttura dedicata. Non ha senso che ci siano differenze tra pubblico e privato”. L’opinione di Boeri è che l’orario di reperibilità dovrebbe essere per tutti i lavoratori dipendenti, sia pubblici sia privati, di sette ore.

Allo stato attuale, gli orari per il settore privato nei quali un lavoratore deve essere reperibile a casa vanno dalle 10 alle 12, e dalla 17 alle 19, mentre per il pubblico si va dalle 9 alle 13, e dalle 15 alle 18.   


09 Febbraio 2017
Powered by Adon